USA: REAZIONI DOPO LA STRAGE A SCUOLA – informazionefacile
USA: REAZIONI DOPO LA STRAGE A SCUOLA
USA: DOPO LA STRAGE PROTESTE SULLE ARMI
20 Febbraio 2018
NIGERIA: RAPITE PIÙ DI 100 STUDENTESSE
26 Febbraio 2018

USA: REAZIONI DOPO LA STRAGE A SCUOLA

This February 4, 2013 photo illustration in Manassas, Virginia, shows a Remington 20-gauge semi-automatic shotgun, a Colt AR-15 semi-automatic rifle, a Colt .45 semi-auto handgun, a Walther PK380 semi-auto handgun and various ammunition clips with a copy of the US Constitution on top of the American flag. US President Barack Obama Monday heaped pressure on Congress for action "soon" on curbing gun violence. Obama made a pragmatic case for legislation on the contentious issue, arguing that just because political leaders could not save every life, they should at least try to save some victims of rampant gun crime. AFP PHOTO/Karen BLEIER (Photo credit should read KAREN BLEIER/AFP/Getty Images)

TRUMP DICE: “ARMIAMO GLI INSEGNANTI”

  • Il 14 febbraio a Parkland in Florida, negli Stati Uniti c’è stata una nuova strage a scuola.
  • Le persone morti sono state 17.
  • Il presidente degli USA, Donald Trump,  ha proposto di armare gli insegnanti per risolvere il problema delle stragi a scuola.
  • Trump si dice disposto a stanziare fondi e incentivi per formare gli insegnanti all’uso delle armi.

NRA (LOBBY DELLE ARMI) SERVE SICUREZZA ARMATA

  • L’amministratore delegato di Nra in un intervento ha detto: «C’è bisogno di una sicurezza efficace, addestrata ed armata».
  • «L’idea che una sicurezza armata ci renda meno sicuri è ridicola».
  • «La Nra è pronta a lavorare con le scuole che lo chiedono».

…INTANTO GENITORI E STUDENTI…

  • Genitori e ragazzi, dopo la protesta davanti alla Casa Bianca subito dopo la sparatoria di Parkland, stanno organizzando una marcia di protesta “Marcia per le nostre vite“.
  • Marcia per le nostre vite si svolgerà il 24 marzo a Washington e in altre città Usa.
  • Molte persone stanno raccogliendo fondi per organizzare questa marcia.
  • George Clooney, il famoso attore e Gucci, la casa di mode hanno donato 500 mila dollari ciascuno a questa causa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *