27 Maggio 2020 |

Tempo di lettura: 6'

USA. POLIZIA SOFFOCA AFROMARICANO. LE PROTESTE

  • Il 25 maggio la polizia di Minneapolis ha fermato un cittadino americano di colore,  George Floyd.
Ecco in rosso lo Stato del Minnesota dove si trova Minneapolis
  • Floyd, dice la polizia, era nell’auto posteggiata  ed era alterato da droga e alcol.
  • La polizia dice che Floyd si è opposto all’arresto.
  • Un video mostra Floyd bloccato a terra da un poliziotto.
  • Il poliziotto preme con il ginocchio sulla gola di Floyd.
  • Floyd si lamenta, dice che non riesce a respirare e chiede di non ucciderlo.
  • Alcune persone intorno dicono al poliziotto di lasciare la presa.
  • Ma il poliziotto continua a bloccare Floyd anche se non dà più segni di vita.
  • Il poliziotto si alza solo quando arriva un’ambulanza che porta via il corpo di  Floyd.

IL VIDEO.

  • È stato diffuso un video di quanto accaduto.
  • Il video intero dura 8 minuti ed è molto violento.
  • Dopo che il video è stato tramesso c’è stato l’annuncio che 4 poliziotti sono stati licenziati.

LA PROTESTA.

  • Nel frattempo, a Minneapolis ci sono state manifestazioni di protesta.
  • Il sindaco ha  criticato duramente l’operato della polizia.
  • Il sindaco, infatti, ha detto che quell’uomo «non doveva morire» e che «essere neri negli Stati Uniti non dovrebbe valere come una condanna a morte».
  • Ecco una foto della manifestazione; sul cartello c’è scritto  “I CAN’T BREATHE” NON POSSO RESPIRARE, cioè la frase che dice ripetutamente l’uomo prima di morire.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *