UCCISO "PRETE DI STRADA" - informazionefacile
UCCISO “PRETE DI STRADA”
BERLUSCONI USCITO DALL’OSPEDALE
14 Settembre 2020
ANCONA: INCENDIO AL PORTO
16 Settembre 2020
Mostra tutto

UCCISO “PRETE DI STRADA”

A COMO. RESPONSABILE UN SENZATETTO MAROCCHINO

image_pdfScarica PDF

IL FATTO.

  • Martedì 15 settembre a Como il parroco don Roberto Malgesini è stato ucciso a coltellate.
  • L’omicidio è avvenuto sotto casa del parroco in piazza San Rocco.
  • Don Malgesini  aveva 51 anni ed era nato in Valtellina.
  •  Don Malgesini è stato colpito da diverse coltellate, tra cui quella mortale al collo.
  • Un senzatetto di origini marocchine e con problemi psichici ha ucciso il sacerdote.
  • L’uomo, dopo aver ucciso, è  andato a costituirsi alla caserma dei carabinieri.

CHI ERA DON MALGESINI.

  • Don Malgesini era considerato un “prete di strada”.
  • Ogni mattina portava la colazione ai senzatetto.
  • Nel 2017 don Roberto Malgesini aveva rischiato una multa  per aver dato la colazione ai senzatetto sotto il portico dell’ex chiesa di San Francesco.
  • La Giunta comunale (di centrodestra) ha sempre osteggiato le attività di don Malgesini.
  • Ad esempio nei giorni che precedono il Natale il sindaco aveva  vietato di sfamare i circa 150 poveri che si rifugiano in centro.
  • La Caritas protesta e don Roberto non arretra dal suo compito e con gli altri volontari ogni mattina porta tè e panini.
  • Il direttore della Caritas Como ha chiamato  don Malgesini “un martire”, e ha detto “la città e il mondo non hanno capito la sua missione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *