RIAPERTURE DAL 26 APRILE. TORNANO LE ZONE GIALLE
TORNANO LE ZONE GIALLE: ECCO LE RIAPERTURE DAL 26 APRILE
CHE COSA SI PUO' FARE: ECCO I COLORI
CORONA VIRUS: LE RIAPERTURE DAL 26 APRILE, I COLORI DAL 19 APRILE.
20 Aprile 2021
L'IMMAGINE MOSTRA UNA RAGAZZA SORRIDENTE CHE DICE "IL GIORNO DOPO (AVER SUBITO UNO STUPRO) SONO ANDATA A SCUOLA.
IL FIGLIO DI GRILLO INDAGATO PER STUPRO DI GRUPPO
25 Aprile 2021

TORNANO LE ZONE GIALLE: ECCO LE RIAPERTURE DAL 26 APRILE

l'immagine mostra una porta semiaperta che simboleggia le riaperture del 26 aprile
image_pdfScarica PDF

 

  • Dal 26 aprile le regioni potranno tornare gialle. 
  • Il consiglio dei Ministri di mercoledì 21 aprile ha deciso le nuove regole per le zone gialle.

  • Adesso il governo dovrà fare un decreto per rendere operative le nuove regole.

LE RIAPERTURE DAL 26 APRILE.

  • Bar e ristoranti potranno restare aperti anche la sera se possono servire la cena all’aperto;

  • i cinema, i teatri e le sale da concerto potranno riaprire, a capienza ridotta;

  • potranno ricominciare le attività sportive all’aperto.

  • Le regioni e le categorie commerciali avevano chiesto che il coprifuoco fosse spostato alle 23.

  • Il coprifuoco, invece, continuerà a partire dalle 22 in tutta Italia.

  • Inoltre dal 26 aprile e fino al 15 giugno, nelle zone gialle e arancioni, 4 persone potranno fare le visite ad amici o parenti in una abitazione privata (fino al 26 aprile solo 2 persone potevano visitare una casa privata).

GLI SPOSTAMENTI.

  • Dal 26 aprile ci si potrà spostare liberamente tra regioni in zona gialla.

  • Sarà possibile spostarsi  anche tra regioni in zona rossa o arancione se si sarà muniti del cosiddetto “certificato verde”.

IL CERTIFICATO VERDE.

 

Avranno diritto a un certificato verde:

  • le persone che avranno completato il ciclo di vaccinazione nei sei mesi precedenti,
  • le persone che erano risultate positive al coronavirus e sono guarite nei sei mesi precedenti (serve un certificato di guarigione per stabilire l’inizio dei sei mesi),

  •  le persone che sono state sottoposte a un test molecolare o a un test rapido con esito negativo nelle precedenti 48 ore,

  • Saranno considerati validi anche i certificati verdi rilasciati da altri stati membri dell’Unione Europea.

  • I certificati di Paesi che non sono dell’Unione Europea  saranno validi solo se la vaccinazione effettuata sia riconosciuta dallo stato italiano.

LA LEGA SI ASTIENE SUL DECRETO.

  • Mercoledì 21 aprile i 3 ministri della Lega si sono astenuti durante il voto che mantiene il coprifuoco alle 22.
  • Anche Forza Italia e Italia Viva e i presidenti delle Regioni avevano chiesto di spostare le chiusure alle 23.
  • Ma la Lega, su decisione di Salvini, è l’unico partito che si è astenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *