SIRIA: MORTO AL BAGHDADI CAPO DELL'ISIS - informazionefacile
SIRIA: MORTO AL BAGHDADI CAPO DELL’ISIS
ROMA. 2 RAPINE. 1 MORTO E 1 FERITO GRAVE
24 Ottobre 2019
VIOLENTI INCENDI IN CALIFORNIA
29 Ottobre 2019
Mostra tutto

SIRIA: MORTO AL BAGHDADI CAPO DELL’ISIS

FILE - This file image made from video posted on a militant website April 29, 2019, purports to show the leader of the Islamic State group, Abu Bakr al-Baghdadi, being interviewed by his group's Al-Furqan media outlet. The IS erupted from the chaos of Syria and Iraq's conflicts and swiftly did what no Islamic militant group had done before, conquering a giant stretch of territory and declaring itself a "caliphate." U.S. officials said late Saturday, Oct. 26, 2019 that al-Baghdadi was the target of an American raid in Syria and may have died in an explosion. (Al-Furqan media via AP, File)

IL FATTO.

  • Siria: Abu Bakr al Baghdadi, capo dello Stato Islamico (o ISIS), è morto.
  • Baghdadi si è fatto esplodere prima di essere catturato o ucciso dai militari della Delta Force.
  • La Delta Force è un corpo speciale dell’esercito degli Stati Uniti che si occupa di lotta al terrorismo.
  • Nell’operazione sono stati uccisi diversi miliziani, tre bambini, e alcune donne presenti nel complesso.
  • L’operazione militare  è avvenuta vicino alla cittadina di Barisha, al confine con la Turchia.

CHI ERA AL BAGHDADI.

  • al Baghdadi era nato il 28 luglio 1971 nella città irachena di Samarra.
  • È cresciuto  in una famiglia musulmana sunnita molto religiosa.
  • Chi lo ha conosciuto lo descrive  come una persona timida.
  • al Baghdadi si laureò all’Università di Baghdad nel 1996 e diventò insegnante di legge islamica.
  • Nel 2003 gli Stati Uniti invasero l’Iraq.
  • al Baghdadi si unì alla  rivolta violenta contro il nuovo governo iracheno sciita e contro i soldati americani presenti nel Paese.
  • al Baghdad, dopo la morte di due capi dell’ISIS,  divenne capo dell’organizzazione.
  • Sotto la sua guida l’ISIS costruì un vero e proprio stato con leggi e territorio propri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *