Scarcerati i 3 arrestati per l'incidente alla funivia del Mottarone
SCARCERATI I 3 ARRESTATI PER LA STRAGE DELLA FUNIVIA
ARRESTATE 3 PERSONE PER L’INCIDENTE DELLA FUNIVIA
26 Maggio 2021
MORTI SUL LAVORO IN BREVE UN’ANALISI
3 Giugno 2021

SCARCERATI I 3 ARRESTATI PER LA STRAGE DELLA FUNIVIA

2 PERSONE SONO LIBERE. UNA AGLI ARRESTI DOMICILIARU

image_pdfScarica PDF

GLI ARRESTATI.

  • Sono fuori dal carcere le 3 persone arrestate per l’incidente della funivia del Mottarone.
  • Sabato 29 maggio il Giudice per le indagini preliminari (GIP) non ha convalidato l’arresto delle 3 persone indagate per la strage della Funivia.
  • Le 3 persone arrestate per l’incidente della funivia del Mottarone sono quindi fuori dal carcere.
  • Luigi Nerini, amministratore della società che gestisce la funivia del Mottarone, ed Enrico Perocchio, direttore del servizio della funivia, sono liberii.
  • Gabriele Tadini, caposervizio della funivi, è agli  arresti domiciliari.

L’INCIDENTE.

  • Nell’incidente sono morte 14 persone.
  • La causa dell’incidente è la rottura di uno dei cavi che sorreggono la cabina e la presenza di “forchettoni”.
  • I forchettoni sono strumenti che impediscono l’entrata in azione dei freni d’emergenza.
  • I forchettoni si usano solo durante la manutenzione e quando la funivia trasporta passeggeri non devono esserci.
  • Solo Tadini, ha ammesso di aver lasciato i forchettoni.
  • Tadini ha anche detto che Nerini e Perocchio sapevano che la funivia funzionava senza freni di emergenza.
  • Nerini e Perocchio negano questo fatto.

PERCHÉ SONO STATI SCARCERATI.

  • Secondo il GIP non c’è pericolo di fuga per nessuno dei 3, quindi l’arresto è ingiustificato.
  • Inoltre, sempre secondo il GIP, non ci sono prove della responsabilità di Nerini e Perocchio.
  • Solo le parole di Tadini, infatti, li accusano.
  • I magistrati hanno detto che le 3 persone restano indagate e che le indagini continuano per capire come è avvenuto l’incidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *