RENZI E IL SUO PARTITO SONO USCITI DAL GOVERNO. LE REAZIONI - informazionefacile
RENZI E IL SUO PARTITO SONO USCITI DAL GOVERNO. LE REAZIONI
ARRIVA LA CRISI DI GOVERNO?
13 Gennaio 2021
CONTE ANDRÀ IN PARLAMENTO
14 Gennaio 2021
Mostra tutto

RENZI E IL SUO PARTITO SONO USCITI DAL GOVERNO. LE REAZIONI

NON È CHIARO CHE COSA ACCADE ORA

image_pdfScarica PDF

ITALIA VIVA ESCE DAL GOVERNO.

  • Oggi alle 18, durante una conferenza stampa, Matteo Renzi ha annunciato che il suo partito, Italia Viva, è uscito dalla maggioranza.
  • Le due ministre  Elena Bonetti (Pari opportunità) e Teresa Bellanova (Politiche agricole) hanno annunciato le proprie dimissioni.
  • Non è chiaro che cosa accadrà ora: Renzi ha criticato molto l’azione di governo e, in particolare, i comportamenti del capo di governo Giuseppe Conte.
  • Renzi ha, però, anche detto che è disponibile a rifare un nuovo governo con la maggioranza attuale dopo un chiarimento sul programma.

LE REAZIONI DI CONTE E DEI PARTITI.

  • Giuseppe Conte ha detto di “essere rammaricato dalla decisione di Italia Viva che reca un grave danno al Paese”.
  • Molti ministri e politici che sostengono la maggioranza hanno aderito alla parola d’ordine: Avanti con Conte.
  • I partiti di opposizione di destra chiedono elezioni anticipate.

CHE COSA PUÒ ACCADERE ORA.

  1. Conte può trovare in Senato (dove non ha più la maggioranza) altri voti. È il ricorso ai  “responsabili” (cioè senatori che per responsabilità sostengono un governo che prima non sostenevano).

  2. Conte può andare in Parlamento a riferire della crisi e poi dare le dimissioni.

  3. A quel punto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, può non accettare le dimissioni e dare a Conte l’incarico (sarebbe il terzo) di trovare una nuova maggioranza.

  4. In questo caso Conte potrebbe  quindi provare a formare un suo terzo governo (con una nuova maggioranza oppure con la stessa maggioranza di oggi se trovasse un compromesso con Renzi e il suo partito).

  5. Oppure Mattarella può accettare le dimissioni di Conte e dare a un altro politico il compito di formare un nuovo governo.
  6. Infine c’è la possibilità di andare ad elezioni anticipate.

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *