IL GOVERNO APPROVA IL DOCUMENTO CHE ANTICIPA IL BILANCIO DELLO STATO - informazionefacile
IL GOVERNO APPROVA IL DOCUMENTO CHE ANTICIPA IL BILANCIO DELLO STATO
IL CENTRO SINISTRA HA VINTO DAPPERTUTTO
18 Ottobre 2021
TRIESTE: ANNULLATA LA MANIFESTAZIONE NO GREEN PASS
22 Ottobre 2021

IL GOVERNO APPROVA IL DOCUMENTO CHE ANTICIPA IL BILANCIO DELLO STATO

IL DOCUMENTO PASSA ALLA COMMISSIONE EUROPEA CHE LO DEVE APPROVARE

MARIO ILLUSTRA I PUNTI PROSSIMA MANOVRA FINANZIARIA
image_pdfimage_print
  • Martedì 19 ottobre il Consiglio dei Ministri ha approvato il il “Documento Programmatico di Bilancio” (DPB).
  • Il governo di ogni Paese dell’Unione Europea ogni anno invia il DPB alla Commissione Europea.
  • La Commissione Europea esamina il DPB e controlla  che sia in linea con le politiche europee di bilancio.
  • Se nota che non tutto è in linea, la Commissione Europea potrà chiedere una revisione del DPB entro il 30 novembre.
  • Nel comunicato stampa, il governo ha indicato in modo generale gli interventi che intende fare.
  • Il governo Draghi ha una maggioranza molto estesa che va dalla destra alla sinistra.
  • Decidere come ottenere entrate (tasse) e come spendere queste entrate sarà molto complicato. 
  • Il governo non ha indicato quanto intende spendere, ma tutti i mezzi di informazione dicono che la manovra prevede una spesa di 23 miliardi.
  • Queste sono alcun obiettivi  indicati dal governo.

FISCO.

  • Il governo dice che prevede:
    • riduzione delle tasse (alcuni ministri hanno anticipato che il governo intende ridurre le tasse di 8 miliardi);
    • rinvio al 2023 di plastic tax e sugar tax;
    • riduzione dell’IVA sugli assorbenti per l’igiene femminile dal 22 per cento al 10 per cento.

SANITÀ.

  • Il governo aumenterà il Fondo per la Sanità di 2 miliardi per ogni anni fino al 2024.
  • Destinerà  nuove risorse a:
    • spesa per vaccini e farmaci per Covid-19;
    • farmaci innovativi.

SCUOLA, RICERCA E UNIVERSITÀ.

  • Il governo:
    • aumenterà il Fondo di Finanziamento per l’Università e  il Fondo Italiano per la Scienza;
    • creerà un nuovo Fondo per la ricerca applicata.
    • Porterà in via permanente le borse di studio (quindi i posti a disposizione) per gli specializzandi in medicina a 12 mila l’anno.
    • Prorogherà i contratti a tempo determinato per gli insegnanti.

POLITICHE SOCIALI.

PENSIONI.

  • Le pensioni, nel primo governo Conte, sono state un argomento forte della Lega di Salvini.
  • La Lega aveva ottenuto che la legge Fornero, che prevede che si vada in pensione a 67 anni, fosse modificata.
  • La modifica prevede che i lavoratori possano andare in pensione a 62 anni se hanno versato contribuiti per 38 anni.
  • Poiché 62+38 fa 100 questo provvedimento è stato chiamato “Quota 100“.
  • La legge su Quota 100 era sperimentale e durava 2 anni.
  • Il successivo governo Conte 2, senza la Lega al governo, non aveva rinnovato Quota 100.
  • Quota 100  scade il prossimo 31 dicembre.
  • Quindi dovrebbe tornare in vigore la legge Fornero senza correzioni.
  • Nel comunicato stampa il governo dice  che prevede “interventi in materia pensionistica, per assicurare un graduale ed equilibrato passaggio verso il regime ordinario”.
  • Gli osservatori politici dicono che il Governo intende  sostituire Quota 100 con Quota 102 ( 64 anni di età + 38 di lavoro) e che anche Quota 102 sarà temporanea.

REDDITO DI CITTADINANZA.

  • Il Reddito di cittadinanza è stato il provvedimento che il Movimento 5 Stelle ha voluto con più determinazione.
  • Gli osservatori politici ritengono che il Reddito di cittadinanza sarà rivisto.
  • Prevedono che Il beneficiario del reddito di cittadinanza avrà  una riduzione del sussidio al secondo rifiuto di un’offerta di lavoro.
  • La scorsa settimana il governo aveva deciso di rifinanziare il reddito di cittadinanza fino a fine anno.
  • Lega, , Forza Italia e Italia Viva sono contrari al reddito di cittadinanza anche se fanno parte del governo.
  • Anche Fratelli d’Italia, partito all’opposizione è contraria al reddito di cittadinanza.

 

 

 

 

 

 

 

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *