17 Aprile 2024 |

Tempo di lettura: 11'

Proteste all’università la Sapienza di Roma contro la cooperazione con le università di Israele

Perché le università italiane protestano
proteste università italiane brevemente

Il fatto.

Il 16 aprile nei pressi dell’Università Sapienza di Roma ci sono stati scontri tra studenti e polizia.

Gli scontri sono avvenuti durante una manifestazione.

La manifestazione era organizzata per chiedere che la Sapienza sospenda alcuni progetti di collaborazione con le università israeliane.

La polizia ha caricato gli studenti e due studenti sono stati arrestati.

Alcuni studenti e poliziotti sono stati feriti.

Le proteste di alcune università italiane contro la cooperazione con università israeliane riguardano un accordo fatto un ministero israeliano (il MOST) e un ministero italiano (il MAECI).

Le proteste delle università contro la cooperazione con Israele.

L’accordo prevede di finanziare progetti di ricerca tra i due paesi in vari ambiti scientifici.

Il bando scadeva il 10 aprile.

Circa 2.500 docenti, ricercatori e personale tecnico amministrativo di varie università hanno inviato una lettera al ministro degli Esteri Antonio Tajani per sospendere qualsiasi bando di cooperazione con le università israeliane.

La loro richiesta è stata motivata dal rischio di finanziare, attraverso il bando stesso, la ricerca in tecnologia a doppio uso (dual use), cioè a scopo civile e anche militare, e dalla volontà «di non essere complici delle gravi violazioni in atto» nella Striscia di Gaza da parte di Israele.

Secondo chi protesta, la cooperazione scientifica consisterebbe, infatti, in una collaborazione utilizzabile da Israele a scopi bellici e militari, anche nell’offensiva in corso ormai da diversi mesi nella Striscia di Gaza.

Alla protesta del personale universitario si è unita la protesta di moltissimi studenti.

Rapporti tra industria delle armi e università italiane.

L’Università di Torino, l’Università di Milano Bicocca e la Scuola Normale Superiore di Pisa hanno approvato una mozione che vietava la partecipazione al bando MAECI.

Il 9 aprile c’è stato uno sciopero degli universitari con manifestazioni in almeno 25 università italiane.

Il rettore dell’Università di Bari, a seguito delle proteste, si è dimesso dal comitato scientifico della Fondazione Med-Or.

Questa fondazione è legata alla società produttrice di armi Leonardo Spa.

La mobilitazione contro la militarizzazione delle università italiane parte da molto prima della guerra Israele-Hamas. Anche due anni fa, a fine marzo 2022, gli studenti occuparono l’università di Roma per protestare contro la guerra in Ucraina.

Già allora chiedevano di tagliare gli accordi tra Sapienza e Leonardo.

Leggi anche: CHE COSA SONO LE PIETRE D’INCIAMPO

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *