11 Maggio 2024 |

Tempo di lettura: 14'

La protesta degli studenti universitari Usa contagia l’Europa

Da alcuni giorni gli studenti affrontano cariche della polizia e attacchi da parte di organizzazioni filo-israeliane.
protesta degli studenti universitari

Da alcuni mesi è in corso negli Stati Uniti la protesta degli studenti universitari contro la strage di civili compiuta dall’esercito di Israele nella striscia di Gaza.

Gli studenti hanno occupato i campus chiedendo alle istituzioni di chiudere ogni forma di collaborazione con aziende e finanziatori legate ad Israele.

Ma da alcuni giorni gli studenti affrontano cariche della polizia e attacchi da parte di organizzazioni filo-israeliane.

Le manifestazioni sono iniziate già negli ultimi giorni del 2023, dopo il primo attaccio dell’esercito israeliano verso le città palestinesi di Gaza.

Da allora, la protesta è cresciuta e le manifestazioni si sono moltiplicate in gran parte del Paese.

Gli antefatti: la strage del 7 ottobre e la feroce reazione del governo israeliano

Il 7 ottobre i terroristi di Hamas hanno attaccato il sud di Israele dalla striscia di Gaza, uccidendo 1200 civili e sequestrandone alcune centinaia.

La reazione del governo israeliano di estrema destra guidato da Benjamin Netanyahu è stata feroce.

Ha portato alla completa distruzione delle città della striscia di Gaza.

E la caccia all’uomo messa in atto dall’esercito di Israele ha comportato la morte di 34.000 persone, quasi la metà bambini.

La reazione delle istituzioni alle manifestazioni nei campus americani

Da alcuni giorni gli studenti devono affrontare la reazione delle forze dell’ordine che hanno arrestato centinaia di occupanti.

L’evento più drammatico è stato lo sgombero della University of California.

Qui la polizia ha abbattuto le barricate e l’accampamento arrestando 130 studenti.

L’intervento della polizia è avvenuto su richiesta dei vertici delle Università.

Qualche giorno prima un gruppo di manifestanti filo-israeliani  aveva attaccato la tendopoli aggredendo i manifestanti.

Nello stesso tempo a Manhattan la polizia ha arrestato 300 persone tra Columbia University, City College e Fordham.

Arresti anche a Dartmouth, Dallas e New Orleans.

Molto scalpore ha suscitato nell’opinione pubblica americana la violenza usata dai poliziotti contro gli occupanti.

Il movimento di protesta a sostegno dei palestinesi di Gaza ricorda la grande partecipazione dei giovani americani degli anni settanta alla protesta contro la guerra in Vietnam.

Anche in Europa si manifesta per Gaza

L’eco delle proteste negli Usa è arrivato anche in Europa.

Nei Paesi Bassi, ad esempio, la polizia ha sgomberato l’università di Amsterdam e ha fermato 169 persone.

A Lipsia e a Berlino, in Germania, altre occupazioni delle università-

Sono 10 gli atenei investiti dalla protesta studentesca in Inghilterra.

In Italia, occupazioni a Bologna e Roma, all’università della Sapienza. A Torino gli atenei, università e politecnico, hanno sospeso le collaborazioni con enti e aziende israeliane.

Nonostante la repressione la protesta non accenna a diminuire.

Leggi anche: USA: la polizia ha immobilizzato con violenza un ragazzo italiano

Foto: Ted Eytan CC

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *