PERCHÉ LA GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE È IL 25 NOVEMBRE - informazionefacile
PERCHÉ LA GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE È IL 25 NOVEMBRE
LA VIOLENZA SULLE DONNE E IL COVID
25 Novembre 2020
L’ALTRA SALUTE
28 Novembre 2020
Mostra tutto

PERCHÉ LA GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE È IL 25 NOVEMBRE

IN ONORE DELLE 3 SORELLE MIRABAL UCCISE DAL DITTATORE DEL LORO PAESE

image_pdfScarica PDF

IL CONTESTO.

  • Siamo nella Repubblica Domenicana.
  • La Repubblica Domenicana si trova nella Grandi Antille, ai Caraibi.
  • Questo Stato occupa i due terzi dell’isola Hispanola; l’altro terzo è occupato da Haiti.
  • Siamo nel 1960, esattamente 60 anni fa.
  • A Santo Domingo è al potere, da 30 anni, Rafael Leónidas Trujillo.
  • Trujillo è un dittatore spietato: durante il suo governo si calcola che morirono circa 50 mila oppositori.

LE SORELLE MIRABAL.

  • Le sorelle Mirabal, Patria, Minerva e María Teresa nascono a Santo Domingo da una famiglia benestante.
  • Minerva è la più intellettuale e la più energica delle tre sorelle.
  • Il 13 dicembre 1949 Minerva, durante una festa, espone le sue idee politiche e sfida apertamente il dittatore che la stava corteggiando.
  • Quella data segna l’inizio delle rappresaglie contro Minerva e tutta la famiglia Mirabal.
  • Ci sono periodi di detenzione in carcere per il padre e la confisca dei beni per la famiglia.
  • Minerva, unica donna con un’amica in un gruppo di uomini, il 9 gennaio del 1960 tiene nella sua casa la prima riunione di cospiratori contro il regime.
  • Questa riunione segna  la nascita dell’organizzazione clandestina rivoluzionaria Movimento del 14 giugno.
  • Le tre sorelle e i mariti militano nel movimento  opponendosi alla dittatura.
  • Il nome  in codice delle sorelle è Mariposas (“Farfalle”).
  • La loro opera rivoluzionaria è tanto efficace che il dittatore afferma “Ho solo due problemi: la Chiesa cattolica e le sorelle Mirabal”.
  • Nel gennaio del 1960 il movimento è scoperto dalla polizia segreta e i suoi membri sono perseguiti e incarcerati.
  • Anche  le sorelle Mirabal e  mariti finiscono in carcere.
  • Molti oppositori sono inviati al carcere di “La 40” (carcere di tortura e morte).
  • Le sorelle sono liberate alcuni mesi dopo, ma i mariti restano in carcere.
  • Il 25 novembre 1960 le sorelle Mirabal, accompagnate dall’autista Rufino de la Cruz, vanno a fare visita ai mariti in carcere.
  • L’auto sulla quale viaggiano le tre sorelle e l’autista viene fermata dalla polizia segreta.
  • Le sorelle e l’autista sono uccisi a bastonate.
  • Le sorelle, prima di essere uccise, sono violentate.
  • Gli assassini, poi, cercano di simulare un incidente d’auto.
  • L’omicidio delle tre sorelle provoca un’ onda di emozione ed indignazione che travolge, finalmente, la dittatura.
  • Ecco perché nel 1999 l’Assemblea generale delle Nazioni unite ha scelto proprio il 25 novembre come Giorno internazionale per eliminare la violenza contro la donna.

 

1 Comment

  1. Ragnoli Giuliano ha detto:

    Le donne devono avere la forza di denunciare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *