NOVI LIGURE: CHIUDE PERNIGOTTI. LA LOTTA - informazionefacile
NOVI LIGURE: CHIUDE PERNIGOTTI. LA LOTTA
ARGENTINA: RITROVATO IL SOMMERGIBILE SCOMPARSO UN ANNO FA
19 Novembre 2018
L’EUROPA BOCCIA LA MANOVRA ECONOMICA DELL’ITALIA
21 Novembre 2018

NOVI LIGURE: CHIUDE PERNIGOTTI. LA LOTTA

image_pdf

IL FATTO

  • Pernigotti è una storica fabbrica di dolci; sono particolarmente famosi i suoi gianduiotti.
  • Nel 2013 la proprietà, la famiglia Averna (quella dell’Amaro Averna), vendette l’azienda al gruppo alimentare turco Toksöz.
  • Il 6 novembre la proprietà turca ha deciso di chiudere lo storico stabilimento di Novi Ligure.
  • Il marchio Pernigotti continuerà a esistere ma la produzione sarà spostata, probabilmente, all’estero.
  • 100 dei 200 dipendenti saranno licenziati; chi lavora nella rete di vendita dovrà trasferirsi a Milano.

PERNIGOTTI: LA STORIA DI UN’AZIENDA E DI UNA FAMIGLIA

  • Pernigotti fu fondata nel 1860 da Stefano Pernigotti a Novi Ligure.
  • All’inizio  Pernigotti era una drogheria ed era famosa per il torrone.
  • Con l’inizio della Prima Guerra Mondiale fu vietato l’uso dello zucchero per produrre dolci.
  • Paolo Pernigotti, il capo dell’azienda in quegli anni, ha un’intuizione geniale: sostituisce il miele allo zucchero.
  • In questo modo il torrone Pernigotti diventa ancora migliore e l’azienda si ingrandisce ancora.
  • Pernigotti inizia a produrre industrialmente il gianduiotto nel 1927.
  • Nel 1935 acquista Sperlari.
  • Nel 1936 avvia la produzione dei preparati per gelateria, che diventa una delle maggiori fonti di guadagno.
  • Nel 1971 acquista la Streglio.
  • Nel 1980 i due figli di Stefano Pernigotti muoiono in un incedente stradale.
  • Nel 1981 cede la Sperlari a un nipote.
  • Nel 1995  Pernigotti,  vende il marchio alla famiglia Averna che lo cede nel 2013 al gruppo turco.

ORA: GLI OPERAI LOTTANO

  • Gli operai della Pernigotti si sono immediatamente riuniti in assemblea permanente e presidiano la fabbrica giorno e notte.
  • La proprietà ha chiesto la cassa integrazione  per un anno “per cessazione dell’attività“.
  • Il lavoratori invece vogliono avere la cassa integrazione “per riorganizzazione“, che lascerebbe una porta aperta alla trattava.
  • I sindacati hanno chiesto l’apertura di un tavolo di crisi al Ministero del Lavoro.
  • Tutta la città di Novi Ligure, con il sindaco, e il Piemonte si stanno muovendo a favore dei lavoratori della Pernigotti.
  • La città di Alessandria in occasione della Fiera di Santa Caterina (25/26 Novembre) ospiterà, su iniziativa dei sindacati, una raccolta fondi  per aiutare i lavoratori.
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.