NAPOLI: FIGLIO DI CAMORRISTA GIUDICA LA CAMORRA - informazionefacile
NAPOLI: FIGLIO DI CAMORRISTA GIUDICA LA CAMORRA
NAPOLI: AGGUATO DI CAMORRA FERISCE GRAVEMENTE BIMBA DI 4 ANNI
4 Maggio 2019
LOMBARDIA E PIEMONTE: OPERAZIONE ANTIMAFIA. COINVOLTI POLITICI
7 Maggio 2019

NAPOLI: FIGLIO DI CAMORRISTA GIUDICA LA CAMORRA

Alcune centinaia di persone si sono ritrovate a manifestare contro la violenza in piazza Nazionale a Napoli, 5 Maggio 2019. ANSA/CESARE ABBATE/

IL FATTO.

  • Lunedì 6 maggio l’associazione “Un popolo in cammino” ha organizzato una manifestazione per protestare dopo il ferimento di Noemi.
  • Noemi è la bambina di 4 in gravi condizioni all’ospedale dopo essere stata raggiunta da una pallottola esplosa di camorristi.
  • I camorristi volevano uccidere un pregiudicato e per farlo hanno ferito anche la bimba.
  • Alla manifestazione hanno partecipato circa 300 persone.
  • Tra di loro anche i parenti di altre vittime innocenti di sparatorie tra camorristi.
  • A un certo punto ha preso la parola un giovane di 23 anni.
  • È Antonio Piccirillo e – come spiega lui stesso – è il figlio di un noto camorrista.

LE PAROLE DI ANTONIO PICIRILLO.

  • «Mi chiamo Antonio, mio padre è Rosario Piccirillo, un uomo che purtroppo ha fatto delle scelte sbagliate nella vita, è un camorrista».
  • «Io voglio dire che i figli dei camorristi non vivono bene  e le loro famiglie fanno una vita da cane, quella che forse meritano. Ho 23 anni, è la prima volta che scendo in piazza a manifestare».
  • «Manifesto perché voglio un futuro migliore per la mia città, per i miei figli e per le future generazioni, con dei valori veri».
  • «Dico ai figli dei camorristi, amate sempre i vostri padri ma dissociatevi dai loro stili di vita. Perché non portano a nulla».
  • «C’è chi pensa che la camorra di una volta era meglio, non è così: la camorra ha sempre fatto schifo. Le persone perbene sono quelle che rispettano gli altri, e i camorristi non rispettano nessuno».

ECCO UN VIDEO DELL’INTERVENTO DI ANTONIO.

 

  • Parole come pietre; parole per cui ringraziamo Antonio. (Informazione Facile).

  • Durante la manifestazione il clan ha fatto esplodere fuochi d’artificio per segnalare chi comanda.

 

 

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *