29 Febbraio 2024 |

Tempo di lettura: 8'

Zekensky: “L’Ue deve mantenere gli impegni presi”

Secondo il capo di stato ucraino, l’Unione europea ha consegnato all’Ucraina soltanto il 30 per cento delle munizioni promesse entro il mese di marzo
mantenere gli impegni presi

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha ricordato all’Unione europea di mantenere gli impegni presi.

Infatti, dice Zelensky, l’Unione europea ha consegnato all’Ucraina soltanto il 30 per cento delle munizioni promesse entro il mese di marzo.

La quantità promessa era di circa un milione di munizioni.

I leader europei a Parigi

La dichiarazione del presidente ucraino è arrivata lunedì 26 febbraio ai venti leader europei mentre erano in riunione a Parigi.

A Parigi era in corso un incontro sugli aiuti da dare all’Ucraina, in occasione del secondo anniversario dell’aggressione russa.

Durante la riunione, il presidente francese Emmanuel Macron ha detto che la situazione chiede “decisioni forti”.

Oltre all’invio di munizioni, Macron ha lanciato l’idea di un sostegno militare, proposta subito respinta dagli altri leader presenti all’incontro di Parigi.

Ora l’Ucraina affronta una carenza di munizioni in prima linea e l’incertezza sul sostegno occidentale.

Gli accordi di sicurezza

Un sostegno garantito dagli accordi di sicurezza firmati con Francia, Germania, Italia, Canada e Danimarca, ma a volte con risultati insufficienti.

La Germania ha dato e 17,7 miliardi di euro all’Ucraina, la Gran Bretagna ha offerto 9,1 miliardi di euro, mentre la Francia ha fornito solo 635 milioni di euro.

E intanto, un nuovo pacchetto di aiuti è ancora bloccato al Congresso degli Stati Uniti.

Leggi anche: Chi è Zelensky

Foto: rawpixel.com CC

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *