LETTERA APERTA DI GINO STRADA SULLA SANITÀ ITALIANA - informazionefacile
LETTERA APERTA DI GINO STRADA SULLA SANITÀ ITALIANA
LIBERI I 18 PESCATORI BLOCCATI DALLA LIBIA
17 Dicembre 2020
LE REGOLE PER LE FESTE
19 Dicembre 2020
Mostra tutto

LETTERA APERTA DI GINO STRADA SULLA SANITÀ ITALIANA

DA IL QUOTIANO LA STAMPA

image_pdfScarica PDF

Qui ve ne proponiamo alcune parti:

LA SANITÀ È UN COMPITO DELLO STATO.

  • “La sanità è un compito essenziale dello Stato perché lo Stato deve assicurare a ogni cittadino il diritto a essere curato.
  • Al contrario, la pandemia ha messo in evidenza l’estrema fragilità del nostro sistema sanitario: nel mezzo della pandemia ci siamo resi conto che:
  •  non avevamo materiali di protezione,
  •  le terapie intensive non erano adeguate,
  • la sanità territoriale ( assicurata dai medici di base) era inesistente,
  • al di fuori degli ospedali tanti malati non venivano curati ma semplicemente abbandonati al proprio destino.

I TAGLI ALLA SANITÀ.

Siamo stati travolti, come la quasi totalità degli altri Paesi, da un’emergenza incontestabile. Molte delle nostre difficoltà si devono a questo, ma non possiamo ignorare che si tratta perlopiù di problemi strutturali, non emergenziali.

  • Le persone che sono morte in casa senza essere mai state visitate da un medico, ad esempio, hanno poco a che fare con l’imprevedibilità dell’evento e molto con il fatto che negli ultimi anni la sanità di base è stata progressivamente smantellata.
  • Nel decennio 2010-2019, tra tagli e definanziamenti al Sistema sanitario nazionale, sono mancati circa 37 miliardi…
  • Oggi spendiamo in sanità circa 120 miliardi ogni anno, l’8,7% del Pil rispetto alla media europea del 9,9%.
  • ….

COME DEVE ESSERE LA SANITÀ.

  • Il focus del dibattito pubblico è sempre sugli aspetti economici, trascurando la questione centrale: di quale sanità hanno bisogno i cittadini?
  • La risposta è semplice: una sanità pubblica, unica e non regionale, gratuita e di alta qualità. Quanto deve spendere lo Stato per realizzarla? Quanto serve: non un euro in più, non un euro in meno.

LA SANITÀ PRIVATA E IL PROFITTO.

  • … Le  risorse ci sarebbero, e in abbondanza: basterebbe eliminare i fondi destinati al privato dal budget della sanità pubblica. Ogni anno se ne vanno in convenzioni con ospedali e varie strutture private circa 25 miliardi, pari al 20,3% della spesa sanitaria complessiva.
  • ….Pur con differenze regionali, una quota sempre maggiore del budget sanitario va in convenzioni e accordi con il privato innescando una spirale pericolosa.
  • Questo è il risultato della scelta di far entrare il profitto nella sanità, di permettere che questa zona sacra – che dovrebbe essere inviolabile – venga invece resa disponibile agli investitori.
  • Investitori in un mercato garantito: possiamo scegliere di comprarci o non comprarci un’auto, ma non scegliamo se ammalarci.
  • …. Sia chiaro, non ho nulla contro il privato. Chi vuole ha il diritto di costruire e gestire ospedali e cliniche, laboratori e case di cura. Ma dovrebbe farlo con i soldi propri, e non attingendo ai soldi pubblici. 
  • Se neanche una pandemia epocale – con quasi 70 mila morti in Italia – riesce a farci riorganizzare le nostre priorità, stiamo perdendo l’ultima occasione per riformare le basi della società in cui vogliamo vivere. 

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *