Le spiagge sono dei cittadini. Lo Stato può darle in concessione
LE SPIAGGE ITALIANE SONO DEI CITTADINI
le prove invalsi 2021 mostrano un peggioramento
CHE SONO LE PROVE INVALSI. NEL 2021 PEGGIORANO APPRENDIMENTI
17 Luglio 2021
L'albero di via d'Amelio che ricorda la morte di Paolo Borsellino
29 ANNI FA MORIVA BORSELLINO. CHI VOLEVA LA SUA MORTE?
19 Luglio 2021

LE SPIAGGE ITALIANE SONO DEI CITTADINI

Il mare rimane un bene di tutti e va difeso

  • Le spiagge italiane sono proprietà dello Stato, cioè dei cittadini italiani.
  • Lo Stato, infatti, non può vendere le spiagge.
  • Può però darle in concessione agli stabilimenti.
  • In questo articolo parleremo di:
    • Gli stabilimenti balneari
    • Quanto incassa lo Stato
    • Come funzionano le concessioni
    • Il mare rimane un bene di tutti
    • La nuova indagine.
  • Per saperne di più puoi leggere questo articolo del Post.
Le spiagge italiane sono dei cittadini
Tramonto in spiaggia. Di chi sono le spiagge italiane

GLI STABILIMENTI BALNEARI.

  • Legambiente ha realizzato una relazione: Spiagge 2021”.
  • Secondo questa relazione,
    • Gli stabilimenti balneari occupano il 46 per cento delle spiagge sabbiose.
    • Gli stabilimenti inoltre occupano 70 per cento delle spiagge in Liguria e in Emilia-Romagna.
    • In Campania occupano, invece il 67,7 per cento, mentre nelle Marche il 61,8 per cento.
    • I dati sono molto diversi tra le Regioni anche in base alla conformazione delle coste.
  • Questo significa che ci sono poche spiagge libere, dove le persone possono stare senza pagare.
  • Un caso limite è il Comune di Gatteo, in provincia di Foggia, dove tutte le spiagge sono date in concessione.
  • Altri casi: a Pietrasanta (Toscana) il 98.8 per cento delle spiagge è in concessione; a Laigueglia (Liguria) il 92,5; a Rimini (Romagna) il 90 per cento.
  • Casi positivi, invece sono  Puglia e  Sardegna
  •  Queste Regioni hanno stabilito il principio del diritto di accesso al mare per tutti.
  • Hanno, infatti, fissato che il 60 per cento delle loro spiagge deve essere libero e, quindi, solo il 40 per cento può essere dato in concessione.
Gatteo: tutte le spiagge sono in concessione

QUANTO INCASSA LO STATO.

  • Secondo i dati del 2019, le concessioni delle spiagge erano più di 29 mila.
  • I canoni della maggioranza di queste concessioni erano inferiori a 2 mila e 500 euro all’anno.
  • Nel 2019 lo Stato ha quindi incassato 115 milioni di euro.
  • Questa cifra è molto bassa.
  • Gli stabilimenti balneari, infatti, guadagnano nel totale molto di più, circa 15 miliardi di euro all’anno.
  • Questa differenza tra incassi dello Stato e guadagni degli stabilimenti dura da anni.
  • I canoni, infatti, continuano a rimanere gli stessi da anni.
  • I rinnovi delle concessioni, inoltre, sono quasi automatici.

COME FUNZIONANO LE CONCESSIONI.

  • In alcuni casi la stessa famiglia gestisce lo stabilimento dallo scorso secolo.
  • In cambio delle concessioni e affitti bassi, gli stabilimenti avrebbero dovuto investire nelle spiagge e nel turismo.
  • Oggi le coste sono ricche di servizi, ma i prezzi degli stabilimenti sono molto alti.
  • La gestione delle concessioni è dei Comuni.
  • I guadagni delle concessioni vanno, però, in gran parte allo Stato e in minima parte ai Comuni.
  • Le regioni a statuto speciale (come la Sicilia e la Sardegna) invece trattengono quasi tutto il canone.
  • Nel 2006 la Commissione Europea ha approvato la direttiva Bolkestein.
  • La direttiva stabilIsce che le concessioni devono essere affidate attraverso gare con regole equilibrate e pubblicità internazionale.
  • I governi italiani, però, non hanno mai applicato questa direttiva.
  • L’applicazione della direttiva è stata rimandata fino al 2033.
Le spiagge sono dei cittadini
Stabilimenti balneari. di chi sono le spiagge italiane

IL MARE DEVE RIMANERE UN BENE DI TUTTI.

  • Il mare però deve rimanere un bene di tutti e va difeso.
  • Negli ultimi anni, infatti, cittadini e associazioni hanno protestato contro gli stabilimenti che hanno costruito muri e cancelli.
  • Questi ostacoli impediscono l’accesso al mare, mentre le spiagge sono dei cittadini.
  • I Comuni possono intervenire per garantire il diritto di accesso alle spiagge.
  • Un altro diritto, per esempio, è la battigia, la striscia di spiaggia dove arrivano le onde.
  • La battigia è uno spazio libero.
  • È infatti possibile sostare temporaneamente sulla battigia senza pagare.
  • Le spiagge sono dei cittadini.
  • Lo Stato può darle in concessione, ma in modo trasparente, in percentuali adeguate e con un giusto guadagno.
Spiaggia libera a Eboli: per saperne di più leggi QUI

  ORA SI INDAGHERÀ  SU TUTTE LE CONCESSIONI.

  • Nel marzo del 2019 il Tribunale  sequestra i Bagni Liggia di Genova perché la concessione viola la direttiva europea (direttiva Bolkestein).
  • Tutti gli stabilimenti balneari, però, violano la direttiva europea.
  • Claudio Galli, gestore dei Bagni Liggia, presenta, quindi, una denuncia contro tutti i colleghi.
  • Il 12 luglio 2021 Galli vince la causa.
  • Ora i tribunali di tutta Italia hanno 6 mesi di tempo per capire se le 17.594 concessioni hanno rispettato la direttiva.
  • Vedremo che cosa accadrà.
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *