LE RESTRIZIONI DECISE DAL GOVERNO - informazionefacile
LE RESTRIZIONI DECISE DAL GOVERNO
PROTESTE A NAPOLI PER LA PRIMA NOTTE DI COPRIFUOCO
24 Ottobre 2020
PROTESTE DI PIAZZA CONTRO LE CHIUSURE
27 Ottobre 2020
Mostra tutto

LE RESTRIZIONI DECISE DAL GOVERNO

SONO IN VIGORE DAL 25 OTTOBRE AL 24 NOVEMBRE

image_pdfScarica PDF
  • Domenica 25 ottobre Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il nuovo decreto del presidente del Consiglio dei ministri (DPCM).
  •  Il decreto contiene  i provvedimenti decisi dal governo per cercare di contenere il nuovo aumento di casi da coronavirus.
  • Il decreto sarà valido dalla mezzanotte di domenica 25 ottobre fino a martedì 24 novembre.

RIASSUNTO.

  • Il decreto raccomanda di non spostarsi, con mezzi pubblici o privati, “salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità”.
  • Bar, pub, ristoranti devono chiudere alle 18.00, ma potranno restare aperti nel weekend.
  • È consentito spostarsi da una regione all’altra.
  • Il decreto raccomanda di non ricevere a casa persone diverse da quelle del proprio nucleo familiare.

SCUOLA.

  • Le scuole materne , le elementari, le medie avranno lezioni in presenza.
  • Le superiori dovranno scegliere forme flessibili e una didattica digitale integrata (DDI) pari almeno al 75 per cento.
  • Le lezioni non dovranno iniziare prima delle 9 per non appesantire il trasporto pubblico.
  • Le Regioni potranno scegliere che ci siano lezioni al pomeriggio.

LOCALI.

  • Bar, pub, ristoranti e i locali che fanno servizi di ristorazione potranno  restare aperti dalle 5.00 alle 18.00.
  • il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone a tavolo,  a meno che siano conviventi.
  • Il servizio d’asporto è consentito fino a mezzanotte.
  • La consegna a domicilio è sempre consentita.
  • Alberghi e altre strutture ricettive potranno tenere aperti i ristoranti, ma soltanto per i loro clienti.
  • Restano aperti gli autogrill e bar negli ospedali e negli aeroporti.

NEGOZI. 

  • I negozi al dettaglio potranno restare aperti ma dovranno  garantire la distanza  di almeno un metro  tra persona e persona.

TRASPORTO PUBLICO.

  • La programmazione del trasporto pubblico, decisa dal presidente di Regione, è «finalizzata alla riduzione e alla soppressione dei servizi» «per assicurare i servizi minimi essenziali», e deve essere organizzata in modo da evitare il sovraffollamento.
  • Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti può disporre riduzioni, sospensioni o limitazioni nei servizi di trasporto, anche internazionale, automobilistico, ferroviario, aereo, marittimo.

PALESTRE.

  • Palestre, piscine, centri benessere, centri termali dovranno restare chiusi.
  • Possono restare aperti questi esercizi se hanno finalità di cura.

PARUCCHIERI E CENTRI ESTETICI.

  • Parrucchieri ed estetisti potranno restare aperti in base alle decisioni delle singole Regioni e Province.

TEMPO LIBERO.

  • Teatri, concerti e cinema, anche all’aperto resteranno chiusi.
  • Musei e altri luoghi culturali restano aperti garantendo la distanza interpersonale di almeno un metro.
  • Casinò, sale giochi, sale scommesse, sale bingo, sale da ballo e discoteche, sia al chiuso che all’aperto resteranno chiusi.

SPORT.

  • Gli sport di contatto sono sospesi.
  • Restano permessi soltanto gli eventi e le competizioni sportive riconosciuti di interesse nazionale, nei settori professionistici e dilettantistici.
  • L’interesse nazionale è deciso dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato italiano paralimpico (CIP) e dalle rispettive federazioni sportive nazionali.
  • Questi eventi devono svolgersi all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse oppure all’aperto, senza la presenza di pubblico.
  • È consentito l’allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra partecipanti alle competizioni.
  • Gli impianti sciistici saranno chiusi e potranno essere utilizzati solo dagli atleti professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, dal CIP e dalle rispettive federazioni nazionali.

AERE VERDI PUBBLICHE.

  • Parchi, ville e giardini pubblici resteranno aperti.
  • Le persone dovranno mantenere la distanza interpersonale di almeno un metro.
  • I bambini possono accedere alle aree gioco mantenendo la distanza e indossando la mascherina dai 6 anni in su.
  • Le persone potranno svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche nelle aree attrezzate e nei parchi pubblici, mantenendo la distanza di sicurezza.

ATTIVITÀ RIABILITATIVE E ASSISTENZIALI.

  • Le attività riabilitative e assistenziali per le persone disabili sono consentite.
  • Le persone con disabilità  possono ridurre il distanziamento fisico con i proprio accompagnatori e assistenti.

FESTE E RICEVIMENTI.

  • Le feste, anche quelle in seguito a cerimonie civili e religiose,  le sagre e le fiere di qualunque genere sono vietate.
  • Convegni e congressi in presenza sono sospesi.
  • Le manifestazioni pubbliche possono svolgersi purché siano statiche e rispettose del distanziamento interpersonale.

LAVORO DA CASA (SMART WORKING)

  • Il decreto raccomanda il lavoro in smart working quando è possibile.
  • negli altri casi, sono incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti e gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *