L'ASL DI ANCONA AUTORIZZA UN SUICIDIO ASSISTITO - informazionefacile
L’ASL DI ANCONA AUTORIZZA UN SUICIDIO ASSISTITO
LA CARNE VEGETALE STAMPATA IN 3D
21 Novembre 2021
IL GOVERNO HA RESO PIÙ RIGIDO IL GREEN PASS
24 Novembre 2021

L’ASL DI ANCONA AUTORIZZA UN SUICIDIO ASSISTITO

È LA PRIMA VOLTA IN ITALIA

IL PRIMO SUICIDIO ASSISTITO IN ITALIA
image_pdfimage_print

IL FATTO.

  • Un uomo di 43 anni, in seguito a un incidente, è immobilizzato da 10 anni a letto.
  • La sua condizione non può migliorare.
  • L’uomo ha chiesto di ricorrere al suicidio assistito.
  • Il 22 novembre Il comitato etico dell’azienda sanitaria delle Marche ha autorizzato il suicidio assistito di questa persona.
  • Il comitato etico  è un organismo indipendente formato da medici e psicologi.
  • Ha il compito di tutelare i  diritti dei pazienti.
  • È il primo suicidio assistito autorizzato in Italia.
  • L’uomo ha dovuto lottare a lungo per ottenere quanto voleva.

SUICIDIO ASSISTITO, EUTANASIA PASSIVA, EUTANASIA ATTIVA.

  • I 3 termini definiscono procedure diverse che hanno come risultato la morte di una persona che vuole porre fine alla sua vita.
  • SUICIDIO ASSISTITO: il medico fornisce a una persona una sostanza che provoca la morte;  la persona utilizza personalmente la sostanza.
  • EUTANASIA PASSIVA: il medico si limita a sospendere le cure o a spegnere le macchine che tengono in vita un paziente. È possibile solo per persone tenute in vita da macchine e farmaci.
  • EUTANASIA ATTIVA: il medico somministra, di solito con una iniezione endovenosa, la sostanza che provoca la morte.

LA SITUAZIONE IN ITALIA.

  • Nel settembre 2019 la Corte Costituzionale aveva stabilito che, a determinate condizioni, il suicidio assistito  non è punibile.
  • Le condizioni per chiedere il suicidio assistito sono:
    • essere tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale (macchine o farmaci);
    • avere  una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche o psicologiche che  la persona considera  intollerabili;
    • essere pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli.
  • La sentenza della Corte Costituzionale era arrivata dopo il caso di dj Fabo.
  • L’eutanasia passiva, invece,  è regolata dalla legge sul testamento biologico, dal gennaio del 2018.
  • A ottobre di quest’anno sono state depositate più di 1 milione di firme a favore dell’eutanasia attiva.
  • Il referendum propone di abrogare la parte dell’articolo 579 del codice penale  che punisce l’assistenza al suicidio.
  • Ora i magistrati devono decidere se autorizzare il referendum.
  • Il referendum dovrebbe svolgersi l’anno prossimo, se sarà autorizzato.
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *