10 Gennaio 2024 |

Tempo di lettura: 9'

Il 2023 è stato l’anno più caldo della storia

La temperatura media della Terra si è avvicinata al limite di 1,5 gradi in più rispetto all’era preindustriale (1850-1900).
L'anno più caldo della storia. Foto Rawpixel CC

Il 2023 è stato l’anno più caldo della storia.

La temperatura media della Terra è stata di 14,8 gradi.

Si è così avvicinata al limite di 1,5 gradi in più rispetto all’era preindustriale (1850-1900).

Il nuovo record ha superato di ben 0,17 gradi il precedente, stabilito nel 2016.

Secondo il Servizio europeo sul cambiamento climatico Copernicus era da centomila anni che la terra non raggiungeva questa temperatura.

Gli scienziati sono in grado di capire come il clima della Terra è cambiato nel tempo, grazie all’analisi degli anelli dei tronchi d’albero e dei campioni di ghiaccio dell’Antartide.

L’accordo di Parigi del 2015 aveva scelto il limite di 1,5 gradi.

A Parigi, infatti, il 12 dicembre 2015 si sono riunite 195 nazioni per promuovere una riduzione delle emissioni di gas inquinanti.

Cosa si deve fare.

L’IPCC è un centro studi dell’ONU.

Secondo questo centro, per evitare di superare questo limite bisogna riuscire, prima del 2030, a produrre ogni anno la metà dei gas inquinanti prodotti nel 2019.

Questi gas sono i principali responsabili dell’aumento della temperatura.

Purtroppo, però, l’inquinamento non ha ancora cominciato a diminuire.

Anche le temperature degli oceani sono cresciute, causando tempeste. Le alte temperature sono una minaccia per la vita marina.

I ghiacci del Polo Nord e del Polo Sud si sciolgono più in fretta e fanno crescere il livello dei mari.

Le condizioni dell’ambiente favorevoli alla vita dell’umanità sono in serio pericolo.

Leggi anche: COP28. L’Italia perde posti nella classifica della nazioni meno inquinanti

Foto Rawpixel CC

CONDIVIDI

3 pensieri su “Il 2023 è stato l’anno più caldo della storia

  1. Gli obiettivi per il 2030 sono difficili, e noi tutti dobbiamo impegnarci nella vita quotidiana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *