21 Dicembre 2022 |

Tempo di lettura: 23'

La Zampogna e il Natale

Martino Vergano, musicista di Giaveno ci ha inviato questo bell'articolo.

In Italia il  Natale è legato al suono delle zampogne.

Forse  i giovani d’oggi  associano il Natale ai tablet o alla manovra finanziaria o ad altre diavolerie  e arnesi del demonio.

Vi  assicuro, però,  che fino agli anni ‘80  del secolo scorso il suono e la vista di una zampogna erano strettamente collegati al Natale .

Ci sono vari motivi ed  una questione tutta italiana (come Calimero il pulcino nero, le mozzarelle di bufala , Blob e i voucher).

Due suonatori: uno suona la zampogna, l’altro la ciaramella

La zampogna, il presepe, San Francesco.

Dobbiamo, però, fare un passo indietro.

Dobbiamo tornare nel 1223, a Greccio in provincia di Rieti.

Vi ricordiamo che, secoli dopo,  a pochi passi da lì, esattamente a Poggio Bustone, sarebbe poi nato Lucio Battisti (ma questa è tutta un’altra storia).

Per farla breve nel 1223 San Francesco realizza il primo presepe.

Tra i vari personaggi (pastorelli, pescivendoli, arrotini bue e asinello) inserisce la figura dello zampognaro.

Statuine di zampognari in un presepe.

La Zampogna.

Lo zampognaro suona la zampogna  ma… che cosa è  la zampogna ? E perché è nel presepe?

La zampogna è uno strumento musicale; fa parte della grande famiglia delle cornamuse o più precisamente è un aerofono a sacco.

Già gli antichi romani conoscevano uno strumento antenato della cornamusa e della zampogna chiamato utriculus, cioè piccolo otre.

La zampogna è forse la più singolare e forse una delle più antiche cornamuse.

La zampogna ci arriva direttamente dal mondo della Roma antica  senza grandi cambiamenti di forma o migliorie tecniche.

È, infatti, ancora  composta da un sacco in pelle che serve da riserva d’aria e da alcune “canne” in legno.

È  uno strumento ad ancia doppia.

L’ancia è la lamella flessibile di metallo o legno che vibrando  trasforma la colonna d’aria, presente nello strumento, in suono.

L’aria soffiata dalla bocca dello zampognaro riempie il sacco.

La  giusta pressione dell’aria unita alla pressione esercitata dal braccio che preme, fa vibrare le ance.

Le dita delle mani aprono e chiudono i fori e cambiano le note dando vita ad accordi ed arpeggi.

È  lo strumento suonato dal compare dello zampognaro che produce la melodia del brano. Questo secondo strumento si chiama ciaramella.

uesto secondo strumento si chiama ciaramella.

Si lavora in coppia : la ciaramella suona la melodia e la zampogna la accompagna producendo la tipica armonia rudimentale. Uno sa leggere e l’altro sa scrivere …

Gli zampognari itineranti che suonano di casa in casa durante la novena di Natale  hanno diffuso l’accoppiamento di zampogna e ciaramella.

Una zampogna.

Passato il periodo natalizio la zampogna veniva riposta con cura fino all’anno successivo e questo ha contribuito alla lentezza dello sviluppo tecnico costruttiva che musicale .

Poter suonare la zampogna solamente poche settimane all’anno, ha fatto si che il repertorio e la tecnica arrivasse a noi praticamente intatta da un passato lontano. Un po’ come scongelare le lasagne della nonna.

Ovviamente queste usanze cambiano di regione in regione e a volte di paese in paese.

Quello che ho cercato di raccontarvi è una piccola e personale introduzione al mondo della zampogna.

M riferisco soprattutto alla zampogna molisana alla quale mi appassionai nel 2000.

Da allora suono questi strumento rigorosamente solo a dicembre e poi la metto via per badare al mio gatto e ai miei nipoti e al mondo rotondo che gira che gira che gira e che mai si fermerà ….

Vi consiglio una gita a Scapoli (non parlo di uomini di belle speranze che non hanno voluto o potuto sposarsi) ma del ridente comune in provincia di Isernia in Molise.

Scapoli è, infatti, un comune di 576 abitanti.

A Scapoli ogni anno si svolge un importante festival internazionale della zampogna e cornamuse ed è sede di ben due musei della zampogna.

È la città  natale di famiglie di costruttori di zampogne e zampognari .

Segnatevi il nome e il prossimo Natale  fate un salto a Scapoli …anche se ammogliati.

Scapoli, in Molise. Il paese delle zampogne

Vi parlerò presto anche delle cornamuse.

Intanto evviva la zampogna, gli zampognari, wikipedia e il copia e incolla …

E Buon Natale a tutti e mi raccomando…

Martino Vergnano ,  15 dicembre 2022, Coazze (Torino)

CONDIVIDI

Un pensiero su “La Zampogna e il Natale

  1. Ciao, ho apprezzato molto come hai descritto in breve il mondo della zampogna. Bravo. Pure io sono un appassionato di zampogna e ho conosciuto Scapoli nel 1998. Buona continuazione.
    Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *