LA CORTE COSTITUZIONALE NON AMMETTE I REFERENDUM SU EUTANASIA E CANNABIS LEGALE - informazionefacile
LA CORTE COSTITUZIONALE NON AMMETTE I REFERENDUM SU EUTANASIA E CANNABIS LEGALE
AGRICOLTURA BIOLOGICA E BIODINAMICA. DIFFERENZE IN BREVE
10 Febbraio 2022
Lavoratori pakistani protestano contro Grafica Veneta
GRAFICA VENETA E LA DISCRIMINAZIONE
24 Febbraio 2022

LA CORTE COSTITUZIONALE NON AMMETTE I REFERENDUM SU EUTANASIA E CANNABIS LEGALE

AMMETTE INVECE 4 REFERENDUM SU 5 IN TEMA GIUSTIZIA

LA CORTE COSTITUZIONALE
image_pdf
  • Martedì 15 febbraio e mercoledì 16 febbraio la Corte costituzione ha deciso su alcuni referendum popolari.
  • La Corte costituzionale, infatti, deve decidere se i referendum proposti chiedono ai cittadini di votare leggi che sono compatibili con la Costituzione italiana.

IL REFERENDUM SULL’EUTANASIA: NON AMMESSO

  • Il 15 febbraio la Corte costituzionale ha respinto il referendum che voleva rendere possibIle il ricorso all’eutanasia.
  • L’associazione Luca Coscioni aveva promosso la raccolta firme.
  • Le firme raccolte sono state 1 milione e duecento mila.
  • Il presidente della Corte, Giuliano Amato, ha spiegato che – per come è formulato – il quesito del referendum non avrebbe autorizzato l’eutanasia ma l’omicidio della persona consenziente.

IL REFERENDUM SULLA CANNABIS: NON AMMESSO

  • Il 16 febbraio la Corte costituzionale ha respinto il referendum sulla legalizzazione della cannabis.
  • Il referendum  proponeva di depenalizzare la coltivazione e di eliminare il carcere per qualsiasi condotta illecita relativa alla cannabis. con eccezione dell’associazione finalizzata al traffico illecito.
  • Nel referendum il traffico illecito della cannabis restava un reato.
  • Il presidente della Corte, Giuliano Amato, ha spiegato che il referendum avrebbe autorizzato anche la coltivazione di altre piante da droga, cioè di droghe pesanti.
  • È vero che il referendum voleva rendere lecita la coltivazione di ogni pianta, ma è anche vero per trasformare alcune piante (come la coca o il papavero) in droghe pesanti sono necessarie attività che avrebbero continuato ad essere punite dalla legge.

I REFERENDUM SULLA GIUSTIZIA: AMMESSI 4 SU 5.

  • Sono ammessi i referendum su questi argomenti.
  1. Legge Severino: il referendum vuole abrogare:
    1. la parte della legge che rende impossibile eleggere  chi è stato condannato in via definitiva per mafia, terrorismo, corruzione e altri gravi reati
    2. l’articolo 11 di questa legge che prevede per gli amministratori locali la sospensione, dopo la condanna di primo grado per alcuni reati.
       
  2. Custodia cautelare: il referendum  vuole ridurre i reati per cui è consentito il ricorso alle misure cautelari in carcere.
  3. Separazione delle carriere: il referendum vuole non permettere più il cambio di funzioni tra giudici e Pubblici ministeri  e viceversa nella carriera di un magistrato è lo scopo del referendum. Oggi sono possibili 4 passaggi, che diverranno 2 con la riforma.
  4. Elezione del Consiglio Superiore della Magistratura (CSM): è l’organo di amministrazione della giustizia e dei magistrati. Oggi per candidarsi a diventare membro del Csm occorre raccogliere almeno 25 firme. Il referendum vuole abolire questo sbarramento.
  • Non è stato ammesso invece il referendum sulla responsabilità civile dei magistrati, che prevede che il magistrato paghi di tasca propria l’eventuale condanna per l’errore giudiziario commesso.
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.