KENYA: L'UOMO DELL'ACQUA E DEI GIRASOLI - informazionefacile
KENYA: L’UOMO DELL’ACQUA E DEI GIRASOLI
CANI TRISTI PER IL CORONAVIRUS
10 Aprile 2020
UNA NUOVA MODA: I VIDEOGIOCHI DIVENTANO SPORT
21 Aprile 2020
Mostra tutto

KENYA: L’UOMO DELL’ACQUA E DEI GIRASOLI

image_pdfScarica PDF
  • Il Kenya è uno Stato dell’Africa orientale.

L’ACQUA.

  • Nel 2016 una siccità particolarmente grave ha colpito il Kenya.
  • A causa di questa siccità gli animali selvatici del Parco Nazionale dello Tsavo occidentale morivano di sete.
  • Patrick Kilonzo Mwalua è un contadino che vive in Kenya.

  • Patrick nel 2016, per aiutare gli animali, affitta un camion cisterna che può trasportare 10 mila litri di acqua.
  • Patrick racconta che gli animali hanno imparato a riconoscere il suo camion e gli vanno incontro quando lui arriva con l’acqua.

  • Con il tempo l’attività di Patrick si è ampliata.
  • Patrick, infatti, ha raccolto dei fondi e ora lavorano insieme a lui altri 5 uomini.

I GIRASOLI.

  • Ora Patrick si sta occupando di un altro problema.
  • I contadini del Kenya, infatti, si trovano in difficoltà perché la coltivazione di mais e di legumi era in pericolo a causa degli elefanti.
  • Gli elefanti, infatti, per nutrirsi spesso distruggono le coltivazioni dei contadini.
  • Questo fatto, come è ovvio, causava una continua guerra tra contadini ed elefanti.
  • Da questa guerra nessuno usciva vincitore.
  • Patrick ha suggerito ai contadini di sostituire la coltivazione del mais con la coltivazione dei girasoli.
  • Gli elefanti non mangiano le piante di girasole e quindi non distruggono i campi.
  • La coltivazione dei girasoli, inoltre, richiede molta meno acqua della coltivazione del mais.
  • Il progetto, oggi, è in fase sperimentale, ma i risultati sono promettenti.
  • Patrick spiega che c’è anche un altro effetto benefico nella coltivazione dei girasoli.
  • I girasoli, infatti, attirano molte api.
  • Come sappiamo, ormai, le api scarseggiano e il miele sta diventando sempre più caro.
  • Presto avremo miele del Kenya?

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *