27 Marzo 2021 |

Tempo di lettura: 3'

IN BIRMANIA (MYANMAR) NUOVI SCONTRI CON MOLTI MORTI

LA POLIZIA ATTRAVERSO LA TV AVEVA MINACCIATO I MANIFESTANTI

L'IMMAGINE MOSTRA UN MANIFESTANTE IN GINOCCHIO E UN POLIZIOTTO
  • Sabato 27 marzo in Myanmar (Birmania) ci sono stati nuovi scontri con molti morti.
  • Dal primo febbraio, giorno del colpo di stato in Myanmar (Birmania) sono in corso grandi manifestazioni.
  • Il 27 marzo è la festa nazionale delle forze armate.
  • L’esercito aveva avvertito i manifestanti attraverso la televisione nazionale che avrebbero potuto essere colpiti alla testa e alle spalle.
  • Nonostante questo i gruppi che organizzano le manifestazioni avevano diffuso appelli per mantenere alta la partecipazione nel corso della giornata.
  • Non esistono conteggi ufficiali delle persone morte dall’inizio delle manifestazioni.
  • Il conto tenuto dal gruppo di attivisti “Associazione di assistenza per i prigionieri politici” dice che i morti sarebbero ormai più di 400, considerando le vittime di oggi.
  • In un discorso trasmesso in TV il generale Min Aung Hlaing, il capo dell’esercito, ha promesso nuovamente che verranno organizzate nuove elezioni, ma non ha detto quando.
CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *