22 Marzo 2023 |

Tempo di lettura: 14'

UN INTERESSANTE PROGETTO SCOLASTICO

Simone oggi ci presenta il progetto Digital Math
il progetto digital math

Simone desidera parlare del progetto Digital Math (“Matematica Digitale” in inglese), al quale sta partecipando in ambito scolastico con grande interesse.

L’Istituto di Istruzione Superiore Giulio Natta di Rivoli propone ai suoi studenti l’accesso al progetto Digital Math.

Il progetto è partito nel mese di Febbraio 2023 e coinvolge i ragazzi del Liceo delle Scienze Applicate.

Le lezioni si svolgono online.

I materiali di studio sono forniti prima delle lezioni e poi sono svolte esercitazioni pratiche.

Il professor Stefano Panetta gestisce il laboratorio.

Il professore ha provato a nascondersi (😂), ma Simone è riuscito lo stesso ad intervistarlo.

L’INTERVISTA.

Che cosa è Digital Math?

Digital Math è un laboratorio organizzato dall’Università degli Studi di Torino.

I ragazzi che partecipano al progetto usano il software Maple per risolvere problemi matematici.

Qual è l’obiettivo di questo laboratorio?

L’obiettivo del laboratorio è approfondire le conoscenze di matematica degli studenti.

Il software Maple  offre prestazioni di ottimo livello ed è utile a raggiungere questo obiettivo.

Come e quando è NATO Digital Math?

Il laboratorio si inserisce nel contesto del progetto Diderot.

Il progetto Diderot è un’iniziativa del dipartimento di biotecnologie molecolari dell’Università di Torino e della professoressa Martina Marchisio.

L’università ha proposto questo laboratorio per collaborare con gli studenti della scuola secondaria di secondo grado.

La licenza di utilizzo del software per gli studenti scadrà con la fine del laboratorio?

La licenza non prevede scadenza per gli studenti.

I ragazzi potranno quindi utilizzare il software Maple anche in futuro.

Software come questo potrebbero rappresentare il futuro della didattica in tutti gli ordini scolastici?

Secondo me, questi software DOVREBBERO rappresentare il futuro della didattica.

Software come Maple permetterebbero ai docenti di matematica di cambiare i propri obiettivi didattici.

Gli obiettivi dovrebbero essere:

  • Stimolare le abilità di problem solving;
  • Stimolare le abilità di analisi dei dati.

Oggi, invece, proponiamo spesso solo la semplice risoluzione di esercizi artificiosi.

CHE COSA PENSA SIMONE DEL PROGETTO.

Simone pensa che la struttura del software sia anche molto elegante esteticamente.

L’utilizzo del software Maple permette inoltre a Simone di approfondire le proprie conoscenze senza usare pesanti libri di carta.

immagine: Foto di Thomas T su Unsplash.

DI Simone leggi anche: I MANESKIN A TORINO.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *