AFGHANISTAN: IL NUOVO GOVERNO TALEBANO IN ARRIVO
HO CONOSCIUTO IL NUOVO CAPO SPIRITUALE SUPREMO DELL’AFGHANISTAN
GLI USA HANNO ATTACCATO ISIS-K. UCCISI 2 MILITANTI
28 Agosto 2021
FRANCIA: INIZIA IL PROCESSO SUGLI ATTENTATI DEL 2015
8 Settembre 2021

HO CONOSCIUTO IL NUOVO CAPO SPIRITUALE SUPREMO DELL’AFGHANISTAN

L’INCONTRO NEL 2001 A KANDAHAR

Franco Guarino con gruppo di talebani
image_pdfScarica PDF
  • I talebani hanno nominato il loro capo spirituale supremo.
  • Haibatullah Akhundzada è l’«al Amirul Momineen»  cioè il capo di tutti credenti, l’erede di mullah Omar, la «capitale» spirituale dei talebani. Disegnerà il nuovo Afghanistan.
  • Presto apparirà in pubblico come un santone.
  • Il leader supremo del movimento sbarcato in Afghanistan è un personaggio enigmatico, più religioso islamico che combattente.
  •  Il suo arrivo è il segnale che i talebani stanno formando il governo dell’Emirato e hanno bisogno dell’imprimatur del «capo di tutti i credenti».
  • Unica intervista televisiva, realizzata con interprete inglese-farsi, dal reporter Franco Guarino per RAI TG1 SPECIALI, nella primavera 2001.

IL TESTO INTEGRALE DELL’INTERVISTA.

Parla il mullah Akhudzader: aveva 35anni nella primavera del 2001a KANDAHAR.

«In Afghanistan, stiamo affrontando molti problemi, le risorse economiche, l’agricoltura, le strade, tutto è distrutto.

Dal momento che noi talebani abbiamo preso il controllo della nazione, stiamo compiendo  uno sforzo enorme per riportare molte cose alla normalità  e salvare la popolazione dalla miseria  e dalle terribili conseguenze delle guerre.

IL GOVERNO.

Il governo dell’Emirato islamico del Afghanistan ha come capo supremo religioso e politico il mullah Mohammad Omar, che per ora risiede nella capitale spirituale di Kandahar.

Sotto di lui c’è il consiglio supremo dei talebani, formato da 14 membri.

Il potere è diviso in giudiziario, legislativo ed esecutivo.

Infine c’è il consiglio religioso, composto da 2mila persone in rappresentanza delle religioni e delle etnie afgane».

LE DONNE E L’ISTRUZIONE.

«Per quanto riguarda alcune considerazioni internazionali, non penso che Stato Islamico  non vorrà mai che le donne lavorino o studino: abbiamo ripetuto più volte che la situazione attuale non era ideale per permettere l’educazione femminile.

Tale educazione deve avere le condizioni per essere d’accordo con la legge islamica: la sharia.

Non vogliamo negare il diritto all’istruzione alle donne; nel nostro governo ci sono molti intellettuali e persone di cultura.

Vogliamo l’istruzione per tutti, ma in assoluto accordo con la sharia che prevede anche il burqua, il velo completo che copre le donne quando sono in pubblico.

L’argomento dei diritti umani per noi è fortemente sentito, ma per noi la guerra, la crisi economica e altri problemi, sono più gravi.

Attualmente abbiamo il controllo del 90 per cento del paese; quando avremo un totale stato di sicurezza, torneremo ad occuparci anche del problema dell’istruzione.

Poi il mullah ci mostra la bandiera bianca con delle spighe di grano e alcuni passi del corano.

È  il simbolo di noi talebani, dice orgoglioso,  apparteniamo dall’etnia pashtun e  questa è la nostra terra».

L’ECONOMIA E L’OPPIO e I TRAFFICANTI INTERNAZIONALI.

«L’economia afghana è debole e a causa di questa debolezza proliferano le coltivazioni di papaveri da oppio.

Per molti poveri contadini sono diventate l’unica fonte di sostentamento. Stiamo cercando di liberare la nazione dal problema droga, ma la strada è ancora lunga, siamo disponibili ad eliminare le piantagioni di papavero  da oppio, ma le organizzazioni internazionali devono aiutarci  a realizzare un’economia sana e rimettere in piedi la nazione.

Da tempo il nostro governo ha deciso di eliminare tutte le coltivazioni di papavero; per questo sono state create istituzioni che sono attualmente al lavoro.

La più importante è la commissione antinarcotici che io dirigo: la struttura è ampia ed estesa; ne fanno parte anche alcuni ministri; ogni ministero ha i suoi rappresentanti.

Nei mesi scorsi lei ha potuto assistere al rogo di 2mila chili di oppio, alla periferia di Jalalabad, un gesto dimostrativo concreto e importante.  Come lei sa, recentemente abbiamo bloccato molti laboratori chimici che raffinano eroina al confine pakistano.

Gli aiuti urgenti riguardano la costruzione di strade, dighe e canali di acqua per irrigare le regioni aride, in particolare lungo i fiumi Kabul e Helmand, poi sviluppare la fornitura di energia elettrica per lo sviluppo industriale attraverso la costruzione di centrali elettriche.

La quantità di oppio è cresciuta nella misura in cui aumentavano le possibilità di sopravvivenza.

 Anche se la produzione di papavero è molto alto noi desideriamo salvare le nuove generazioni del mondo e liberarle dal pericolo della droga.

Recentemente con l’aiuto del UNDCP, in alcune regioni abbiamo abbassato la produzione di oppio del 20-25 per cento.

Abbiamo promesso che, se ci aiutate, nel giro di un anno eliminiamo la produzione di oppio e la sostituiamo con produzioni agricole alternative.

Bisogna tenere conto che il vero profitto delle coltivazioni non va agli afghani: qui arrivano i narcotrafficanti internazionali e comprano l’oppio.

Sono stranieri quelli che traggono maggiori profitti: sono pochissimi i narcotrafficanti afgani internazionali di eroina.

Il trasporto di eroina è  molto facile perché la polvere bianca non occupa molto spazio durante i trasferimenti e si nasconde facilmente. Recentemente abbiamo arrestato dei poveracci che guadagnavano dai 4 a 10 dollari al giorno.

Non conoscono le formule chimiche gelosamente custodite dai trafficanti stranieri, che forniscono le sostanze  per la morfina base e l’eroina. Abbiamo informato la stampa internazionale, ma i giornalisti si sono soffermati sulle pedine più piccole del narcotraffico, gente che senza questo lavoro morirebbe di fame.

Nessuno ha fatto cenno ai trafficanti che appartengono alle grandi organizzazioni internazionali.

Il rapporto con la stampa straniera è molto difficile, molte volte le notizie vengono distorte e questo aggrava la situazione».

AFGHANISTAN: IL NUOVO GOVERNO. 

  • Zabiullah Mujahid, portavoce dei vincitori, ha dichiarato che il nuovo esecutivo si insedierà entro 2 settimane.
  • Fonti russe sostengono che si è già trovato un accordo per 7 ministri su 12.
  • Il papabile premier dell’Emirato è Abdul Ghani Baradar, fondatore del movimento insieme a mullah Omar.
  • Dopo il crollo del primo emirato nel 2001 era fuggito in Pakistan.
  • I servizi segreti militari di Islamabad, capitale del Pakistan, lo avevano arrestato nel 2010, su richiesta della Cia.
  • E sempre su input americano lo hanno liberato 8 anni dopo per dar vita ai negoziati di Doha, che hanno portato al ritiro occidentale e al disastro afghano.
  • Il ministro della Difesa ad interim è Abdul Qayyum Zakir e sono stati nominati anche i responsabili pro tempore di altri dicasteri.
  • Zakir, catturato dagli americani nel 2001 a Mazar i Sharif, è rimasto 6 anni nel carcere di Guantanamo.
  • Zakir è stato poi trasferito a Pul i Charki, il penitenziario di Kabul ed è tornato in libertà nel giro di un anno.
  • Zakir è legato a Mohammad Yaqoob, il figlio maggiore di mullah Omar, che ha guidato la guerra lampo talebana fino alla conquista della capitale. Un altro «giovane» trentenne punta in alto: il figlio di Jalaluddin Haqqani, leggendario combattente ai tempi dell’invasione sovietica e in seguito ricercato dalla Nato.
  • L’erede, Sirajuddin, uno dei vice del vertice talebano, è il capo della rete Haqqani, l’organizzazione terroristica specializzata in attacchi suicidi.
  • Suo zio, Khalil Haqqani, che ha una taglia di 5 milioni di dollari sulla testa, garantisce la sicurezza di Kabul.
  • Il clan, nonostante i legami con Al Qaida, vuole una fetta di potere nel governo.
  • I talebani hanno nominato il nuovo governatore della Banca centrale, Mohammad Idris, sconosciuto nel mondo economico internazionale.
  • Il suo predecessore è fuggito, ma prima ha congelato negli Stati Uniti gran parte delle riserve valutarie afghane.
  • Per questo le banche a Kabul hanno chiuso gli sportelli e la popolazione sta scendendo in piazza.
  • Anche il ministro delle Finanze ad interim, Gul Agha, deve affrontare la seria emergenza dell’aumento dei prezzi che è del 35 per cento negli ultimi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *