27 Novembre 2023 |

Tempo di lettura: 15'

L’uomo di Neanderthal abitava al Circeo

Il sito archeologico apre un nuovo percorso di visita
grotta guattari storia breve

La grotta Guattari è un sito preistorico del Lazio.

La Grotta è un centinaio di metri dalla costa del mar Tirreno a San Felice Circeo.

Il promontorio del Circeo.

La Scoperta della grotta Guattari

La scoperta del sito avviene per caso il 24 febbraio 1939.

Guattari, un proprietario terriero della zona, aveva incaricato alcuni operai di estrarre pietre da un suo terreno.

Una frana, circa 60mila anni prima, aveva bloccato infatti l’ingresso della grotta con grosse pietre.

In fondo alla grotta, il proprietario scoprì un cranio dell’uomo di Neanderthal (Homo neanderthalensi).

Il cranio era ben conservato.

Nuove ricerche iniziate 80 anni dopo (nel 2019) portano al ritrovamento di 9 individui.

I reperti diventano cosi di 11 individui.

8 ritrovamenti risalgono ad un periodo compreso tra i 50 mila e i 68 mila anni fa.

Il più antico, invece, risale ad un periodo tra 100 mila e i 90 mila anni fa.

Ecco un raro video di un filmato dell’Istituto Luce del 1939 sulla scoperta della Grotta Guattari.

L’UOMO DI NEANDERTHAL DEL CIRCEO.

Gli studi più recenti sono arrivati a una conclusione affascinante.

Qui al Circeo – spiega il prof. Mauro Rubini che dirige le ricerche – si è creata, circa 60 mila anni fa, una di comunità di persone di Neanderthal con caratteristiche fisiche particolari.

La parte anteriore del loro cranio è quella dell’uomo di Neanderthal ma la parte posteriore è quella dell’ l’Homo Sapiens.

Il cranio di Neanderthal e Sapiens a confronto.

L’individuo è definito Uomo di Neanderthal del Circeo.

Le prime analisi hanno evidenziato che ha un patrimonio genetico misto: un incrocio tra un Neanderthal e un Sapiens.

Neanderthal e Sapiens, infatti, sono 2 specie di ominidi che hanno vissuto contemporaneamente anche in Europa per lungo tempo.

Poi l’Uomo di Neanderthal si estinse, circa 30.000 anni fa, per motivi ancora da chiarire.

IL FATTO.

Il 25 novembre 2023, è stato inaugurato un nuovo percorso di visita della Grotta Guattari.

Il percorso è arricchito da installazioni di realtà virtuali che consentono un’immersione nel nostro passato remoto.

Foto: un’immagine di realtà virtuale nel percorso di visita della Grotta Guattari da Temporeale.

LEGGI ANCHE: ALASKA: TROVATE PERLE VENEZIANE ARRIVATE PRIMA DI COLOMBO.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *