GLI INCENDI IN AUSTRALIA - informazionefacile
GLI INCENDI IN AUSTRALIA
L’AEREO UCRAINO ABBATTUTO DALL’IRAN
11 Gennaio 2020
LA REGINA ELISABETTA, HARRY E MEGHAN
17 Gennaio 2020
Mostra tutto

GLI INCENDI IN AUSTRALIA

L’isola di Kangaroo a Sud dell’Australia.

IL FATTO.

  • Da alcune settimane in Australia ci sono violentissimi incendi.
  • L’Australia  è formata da sei stati.
  • Lo stato più colpito è il Nuovo Galles del Sud (New South Wales) che è lo stato più abitato; la sua capitale è Sydney.

I 6 Stati dell’Australia

  • Ecco una cartina degli incendi nel Nuovo Galles del Sud.

  • In Australia il clima è molto secco e gli incendi sono frequenti.
  • In genere gli incendi colpiscono il bush che è una savana  arida con arbusti.

Bush australiano.

  • Ma questa volta la situazione è diversa perché la siccità dura da molto tempo.
  • Per questa siccità  stanno bruciando anche foreste più umide che in genere non sono aggredite dagli incendi.
  • Il 2019 è stato in Australia l’anno più caldo e più secco  dal 1900.
  • Nel 2019 le temperature massime hanno registrato oltre 2°C in più rispetto alle temperature massime degli anni 1960-1990.
  • Inoltre è caduto un terzo in meno delle piogge degli anni precedenti.
  • La prolungata siccità e le temperature alte hanno trasformato le foreste che sono diventate molto secche.
  • Gli alberi molto secchi prendono fuoco facilmente e – a differenza degli arbusti che bruciano in fretta – alimentano il fuoco per molto tempo.

L’ORGINE DEGLI INCENDI.

  • Nei giorni passati sono state diffuse notizie esagerate sull’arresto di incendiari.
  • In realtà  i fulmini generano la maggior parte degli incendi in Australia.
  • Il vento aiuta il propagarsi delle fiamme e incendi molto estesi generano vortici di vento: si può dire che gli incendi si auto alimentano.
  • Attribuire gli incendi alla volontà di singole persone è un modo per negare l’influenza dei cambiamenti climatici nella situazione in Australia.

LE VITTIME DEGLI INCENDI.

  • Fino ad oggi le persone morte a causa degli incendi sono 25.
  • Il numero degli animali uccisi dagli incendi non è al momento chiara.
  • Molti giornali parlano di mezzo miliardo di animali morti ma questo è un calcolo ipotetico.
  • Senza dubbio l’itero ambiente subirà le conseguenze di questi incendi.
  • Facciamo un esempio.
  • Kangaroo Island è la terzapiù grande isola dell’Australia.

 

L’isola di Kangaroo a Sud dell’Australia.

  • Questa isola è famosa per i suoi animali: le fiamme hanno distrutto un terzo dell’isola.
  • Anche la flora australiana ha molte specie rare che sono danneggiate dal fuoco.

Il corpo di un canguro carbonizzato nell’Isola di Kangaroo.

 

LE CAUSE DEGLI INCENDI.

  • La siccità che ha favorito gli incendi è causata da alcuni fattori meteorologici.
  • Uno di questi fattori è legato alla temperatura superficiale dell’Oceano Indiano.
  • Questo fenomeno si chiama IOD (Dipolo dell’Oceano Indiano).
  • Un altro fattore è lo spostamento verso l’Australia di venti chiamati anti-alisei.
  • Questo fenomeno si chiama Oscillazione Antartica.
  • Questi fenomeni sono naturali, ma i cambiamenti climatici dovuti all’azione umana ne stanno aumentando la forza devastante.

LE RESPONSABILITÀ POLITICHE AUSTRALIANE.

  • L’economia australiana è molto condizionata dall’estrazione del carbone.
  • L’Australia esporta il carbone in Giappone, Cina, India.
  • L’estrazione del carbone non è compatibile con il raggiungimento l’obiettivo della Conferenza di Parigi sul clima.
  •  L’obiettivo era contenere l’innalzamento della temperatura terreste entro 1 grado e mezzo.
  • L’attuale governo australiano, conservatore, è accusato di non sapere e non volere affrontare il problema del carbone e, di conseguenza, il problema del clima.

LE RESPONSABILITÀ DI TUTTI.

  • I mutamenti climatici sono in parte fattori naturali.
  • L’attività dell’uomo, però, contribuisce a modificare la situazione.
  • L’emissione di anidride carbonica nell’atmosfera (CO2), infatti, provoca l’innalzamento della temperatura terreste.
  • L’emissione di CO2 è dovuta :
    • produzione e consumo di energia (30 per cento),
    • trasporti (25 per cento),
    • agricoltura e allevamento (20 per cento),
    • riscaldamento e refrigerazione  domestica (15 per cento),
    • deforestazione (10 per cento).
  • Di questo innalzamento è responsabile il nostro stile di vita che è una scelta economica, politica e individuale.
  • Sarà possibile modificare tutto questo in tempo utile?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *