FU NONNISMO. 5 INDAGATI PER IL PARACADUTISTA MORTO NEL 1999 - informazionefacile
FU NONNISMO. 5 INDAGATI PER IL PARACADUTISTA MORTO NEL 1999
BUON COMPLEANNO CLINT!
30 Maggio 2020
Covid: Briatore è in ospedale: le sue condizioni sono “serie”
25 Agosto 2020
Mostra tutto

FU NONNISMO. 5 INDAGATI PER IL PARACADUTISTA MORTO NEL 1999

I FATTI.

  • Siamo nel 1999.
  • Emanuele Scieri è un allievo paracadutista di leva.
  • Emanuele è nato a Siracsusa, ha 26 anni ed è  laureato in giurisprudenza.
  •  Il  13 agosto Scieri  arriva  a Pisa con altri commilitoni  alla caserma Gamerra.
  • Dopo aver sistemato i bagagli  Scieri va con alcuni altri militare nel centro di Pisa.
  • Sempre il 13 agosto Scieri rientra in caserma intorno alle 22.15, ma  non risponde al contrappello delle 23.45.
  • I compagni dicono che Scieri è rientrato insieme a loro, ma i superiori indicano che il militare non è rientrato in caserma.
  • Solo 3 giorni dopo, il 16 agosto, ritrovano il suo cadavere a piedi di una scala.

  • La scala è alta 10 metri e serve per salire in cima a una torre che serve per asciugare i paracaduti.
  • La morte di Scieri è archiviata come incidente o suicidio.
  • I familiari e gli amici del militare non hanno mai creduto a questa ricostruzione.

  • Intanto iniziano a uscire voci su ripetuti episodi di nonnino avvenuti in quella caserma.

LA SVOLTA.

  • Il  4 novembre 2015  la Camera dei deputati istituisce la Commissione parlamentare di inchiesta sulla morte del militare Emanuele Scieri.
  • Nel dicembre 2017 la Commissione conclude i lavori e chiede alla Procura di Pisa di riaprire il caso.
  • Il 15 giugno 2020 la magistratura ha concluso le indagini  e contestato il reato di omicidio volontario per futili e abbietti motivi a 3 persone.
  • Sono Alessandro Panella, Luigi Zabara e Andrea Antico caporali nella caserma all’epoca dei fatti.
  • Panella è stato arrestato nell’estate 2018 perché gli inquirenti temevano potesse fuggire negli Stati Uniti dove viveva da tempo.
  • Sulla vicenda aveva già chiuso le indagini la procura militare che ha fissato l’udienza preliminare per il 17 luglio.

LA RICOSTRUZIONE DEI FATTI.

  • La sera del 13 agosto 1992 i tre caporali in servizio vedono Scieri che sta telefonando.
  • Nel 1999 era vietato usare il cellulare in caserma.
  • I caporali decidono di punire Scieri: gli fanno togliere i pantaloni e lo picchiano sulle gambe.
  • Scieri si arrampica sulla scala della torretta, ma uno dei superiori lo insegue pestandogli le mani, finché Scieri precipita.
  • Scieri ha gravi ferite, ma è vivo.
  • I caporali abbandonano il corpo e non chiedono soccorsi.
  • Scieri morirà dopo 6 ore di agonia.
  • I magistrati di Pisa, che oggi hanno chiuso le indagini, hanno iscritto nel registro degli indagati anche il generale Celentano e un ex aiutante maggiore nella caserma della Folgore per favoreggiamento.
  • I due militari, infatti, contribuirono a nascondere la verità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *