FRANCIA: GLI ABUSI DELLA CHIESA CATTOLICA SUI MINORI - informazionefacile
FRANCIA: GLI ABUSI DELLA CHIESA CATTOLICA SUI MINORI
COSA SUCCEDE OGGI IN AFGHANISTAN
30 Settembre 2021
APPROVATO IL PRIMO VACCINO CONTRO LA MALARIA
APPROVATO IL PRIMO VACCINO CONTRO LA MALARIA
7 Ottobre 2021

FRANCIA: GLI ABUSI DELLA CHIESA CATTOLICA SUI MINORI

LE PERSONE CHE HANNO SUBITO ABUSI SONO 330MILA

  • Più di 2  anni  fa la Conferenza dei vescovi francesi aveva incaricato la Commissione indipendente sugli abusi nella Chiesa (CIASE) di approfondire le accuse di violenze che erano state segnalate. 
  • Il rapporto ha studiato le accuse degli ultimi 70 anni.
  • Il 5 ottobre a Parigi si è svolta la conferenza stampa per presentare il rapporto sulle violenze sessuali avvenute in Francia all’interno della chiesa cattolica.
  • Il rapporto dice che più di 330mila bambini e bambine avrebbero subìto abusi sessuali.
  • Sacerdoti e persone laiche legate alla Chiesa hanno compiuto gli abusi.
  •  Il presidente della commissione ha accusato le autorità della Chiesa cattolica di aver nascosto i casi di violenze sessuali “n maniera sistematica”.
  • Il rapporto, infatti, fa riferimento alle informazioni contenute in vari archivi e su migliaia di testimonianze raccolte dagli anni Cinquanta.
  • La Commissione afferma che:
    • 216mila bambini e bambine avrebbero subìto abusi sessuali da religiosi;
    • 114mila bambini e bambine avrebbero subìto abusi sessuali da persone laiche legate alle istituzioni della Chiesa, soprattutto nelle scuole;
    • l’80 per cento delle vittime sono maschi;
    • le persone che hanno compiuto abusi sono tra le 2mila 900 e le 3mila200.
  • Il presidente della Conferenza dei vescovi francese, dopo la conferenza stampa:
    • ha detto di provare “vergogna e terrore”;
    • ha detto che il numero delle vittime “sconvolge”;
    • ha detto che “fino all’inizio degli anni 2000 la Chiesa ha manifestato un’indifferenza profonda, e anche crudele nei confronti delle vittime”.
  • Il presidente ha infine chiesto perdono alle vittime di violenza.

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *