FIRENZE: MUORE UN ALTRO RIDER. SCIOPERO CONTRO IL COTTIMO – informazionefacile
FIRENZE: MUORE UN ALTRO RIDER. SCIOPERO CONTRO IL COTTIMO
listeria e worsted
LA LISTERIA E I WURSTEL
4 Ottobre 2022
UNA FAVOLA CON IL LUPO CATTIVO
7 Ottobre 2022

FIRENZE: MUORE UN ALTRO RIDER. SCIOPERO CONTRO IL COTTIMO

SI CHIAMAVA SEBASTIAN GALASSI E AVEVA 26 ANNI

L'immagine mostra le borse di consegna dei ciclofattorini con i marchi delle principali aziende come Glovo o Justeat

Le borse dei ciclofattorini

IL FATTO.

  • Sebastian Galassi  aveva  26 anni.
  • Lavorava come “rider”  (fattorino) a Firenze: faceva consegne con il suo motorino.
  • Lavorava per Glovo.
  • Il 2 ottobre Sebastian è morto in un incidente tra il suo motorino e un Suv mentre faceva una consegna alla periferia di Firenze.
  • Glovo gli ha inviato una lettera (automatica) di licenziamento dopo la morte.
  • L’azienda ha subito dopo contattato la famiglia per scusarsi del messaggio automatico “inviato per errore”.

LO SCIOPERO A FIRENZE OGGI.

  •  Oggi Mercoledì 5 ottobre gran parte dei circa 1.500 riders dell’area fiorentina non lavoreranno.
  • Si fermano per chiedere un corretto inquadramento contrattuale, così come dicono le sentenze emesse da diversi tribunali.
  • La maggior parte delle aziende di consegna continua, però,  a pagare i suoi fattorini un tanto a corsa, quindi a cottimo.
  • Invece hanno diritto ad avere una paga oraria e le tutele dei dipendenti.
  • Ci sono fattorini che preferiscono essere pagati “a corsa”, perché così possono guadagnare di più.
  • Il risultato, però, è che sono costretti a correre e a rischiare la vita.
  • Proprio a Firenze due anni fa  era partita la mobilitazione dei riders.
  • Just Eat, una delle multinazionali del settore, ha scelto  a inquadrare i “suoi” rider come dipendenti nel comparto della logistica.
  • Le altre aziende continuano con il cottimo
  • Sebastian è  il terzo fattorino ucciso dal lavoro dall’inizio dell’anno in Toscana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *