THE FATHER - NULLA È COME SEMBRA - informazionefacile
THE FATHER – NULLA È COME SEMBRA
80 ANNI: BUON COMPLEANNO BOB DYLAN!
24 Maggio 2021
L'immagine mostra Alice, Giuni Russo e Milva mentre cantano
LE 3 MUSE DI FRANCO BATTIATO
26 Maggio 2021

THE FATHER – NULLA È COME SEMBRA

IL FILM OFFRE UN ORIGINALE SGUARDO SULLA MALATTIA MENTALE

Il manifesto del film The Father con Antony Hopkins e Coleman
image_pdfScarica PDF
  • The Father  – Nulla è come sembra è un film del 2020 del regista e drammaturgo francese Florian Zeller.
  • Zeller è anche l’autore dell’omonimo dramma teatrale da cui è stata tratta la pellicola.
  • Il film ha vinto il Premio Oscar 2021 per
    • il Miglior attore: Anthony Hopkins (nato nel 1937);
    • la Migliore sceneggiatura non originale: Florian Zeller e Christopher Hampton.
  • L’attore Anthony Hopkins aveva già ricevuto nel 1992 l’Oscar come Miglior attore per il film “Il silenzio degli innocenti”.
  • The Father (il Padre) è il protagonista del film
  • È un uomo che ha più di 80 anni e  non consapevole del deterioramento del suo intelletto dovuto all’età.
  • Anthony (il protagonista si chiama come l’attore)alterna momenti di grande lucidità ad altri di confusione mentale.
  • Nei suoi episodi di demenza manifesta chiari sintomi del morbo di Alzheimer.
  • Anthony vorrebbe vivere da solo,  ma – in realtà – ha bisogno dell’assistenza di badanti, che regolarmente rifiuta.
  • Un giorno la figlia Anne (l’attrice Olivia Colman) va a trovarlo per annunciargli che si trasferirà a Parigi per amore di un uomo.
  • Dopo questo colloquio il protagonista inizia a vedere seduto in casa sua un uomo che dice di essere il marito della figlia.
  • Ma quest’uomo c’è veramente? Ed è veramente il marito della figlia? Oppure è un’allucinazione?
  • Da questo momento in poi osserviamo Anthony dimenticare e confondere persone e luoghi.
  • Lo spettatore inizia a guardare con gli occhi di Anthony una realtà che cambia i connotati dei personaggi, così come i ricordi che evocano.
  • Il regista Florian Zeller adotta, in modo geniale, una prospettiva del tutto diversa e originale per descrivere un malato di Alzheimer e per parlare del suo disagio mentale.
  • “Nulla è come sembra”, dice il titolo e lo spettatore si trova immerso nella la stessa confusione mentale del protagonista.
  • Anthony, attraverso ‘il suo punto di vista’, riesce a trasmettere anche il suo stato d’animo e tutto il suo disorientamento.
  • La grande interpretazione di Anthony Hopkins rende ancor più efficace questa comunione di sguardo e prospettiva tra protagonista e spettatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *