26 Maggio 2019 |

Tempo di lettura: 6'

ELEZIONI EUROPEE: I PRIMI RISULTATI

  • Questi sono i primi risultati disponibili delle proiezioni per i paesi dove le votazioni si sono già concluse.

GERMANIA.

CDU (conservatori)  partito di Angela Merkel – 27,5%
Verdi – 20,5%
SPD (socialdemocratici) – 15,5%
AfD (destra radicale) – 10,5%
FdP (liberali) – 5,5%
Linke (sinistra) – 5,5%

  • I socialdemocratici hanno perso molti consensi.
  • I Verdi hanno aumentato molto i consensi diventando il secondo partito della Germania.

FRANCIA.

Rassemblement National partito di Marie Le Pen (estrema destra) – 23.2%
La République En Marche partito  del presidente Macron (liberali) – 21.9%
Verdi –12.8%
Les Républicains – 8.3%
France Insoumise (sinistra radicale) – 6.7%
SP (socialisti) – 6.7%

  • Il dato più rilevante sarebbe l’affermazione del partito di estrema destra di Marie Le Pen,

SPAGNA,

PSOE (socialisti) – 28,4%
PP (conservatori) – 17,3%
Ciudadanos (destra liberale) – 16%
Unidas Podemos (sinistra) – 12,4%
Vox (destra radicale) – 6,5%
Ahora Repúblicas (nazionalisti di sinistra) – 6%
Coalición por una Europa Solidaria (nazionalisti di centro e destra) – 3,1%
JxCat (indipendentisti catalani di centrodestra) – 2,8%

  • Dato rilevante: il partito di estrema destra Vox ha ottenuto consensi inferiori alle aspettative.

GRECIA.

ND (conservatori) – 36%
Syriza (sinistra) – 27%
Kinal (socialdemocratici) – 8%
Alba Dorata (estrema destra) – 6%
KKE (comunisti) – 6%

  • Secondo questi dati i conservatori sono aumentati, mentre Syriza, il partito di Tsipras (primo ministro), è andato male, ma non troppo.

UNGHERIA.

Fidesz (conservatori e populisti) – 55%
DK (centrosinistra) – 11%
MSZP+Parbeszed (socialdemocratici e verdi) – 10%
Jobbik (estrema destra) – 9%
Momentum (centro) – 7%

  • Fidesz, il partito del primo ministro Vickot Orban, ha ottenuto il 55 per cento dei consensi.

AUSTRIA.

ÖVP (conservatori) – 34,5 %
SPÖ (socialdemocratici) – 23,5%
FPÖ (destra radicale) – 17,5%
Verdi – 13,5%
NEOS (liberali) – 8%

  • Vanno bene i conservatori; la destra radicale – reduce da un grave scandalo – cala, ma meno del previsto.

PAESI BASSI.

PvdA (laburisti) – 18%
VVD (liberali) – 15%
CDA (conservatori) – 13%
FvD (nazionalisti euroscettici) – 11%
Verdi – 10%
CU (centro) – 8%
D66 (liberali) – 6%

  • I Laburisti, a sorpresa, vanno molto bene.

DANIMARCA.

PvdA (laburisti) – 18%
VVD (liberali) – 15%
CDA (conservatori) – 13%
FvD (nazionalisti euroscettici) – 11%
Verdi – 10%
CU (centro) – 8%
D66 (liberali) – 6%

  • Bene i laburisti, male l’estrema deatra che dimezza i propri voti.
CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *