16 Aprile 2020 |

Tempo di lettura: 7'

È MORTO LUIS SEPULVEDA PER CORONAVIRUS

BIOGRAFIA: I PRIMI ANNI.

  • Sepúlveda era nato a Ovalle, in Cile, il 4 ottobre del 1949.
  • Sepúlveda era cresciuto in un quartiere proletario di Santiago del Cile e a 13 anni sognava di diventare un calciatore.
  • Aveva, però, incontrato Gloria, «la ragazza più bella del mondo».
  • Gloria amava soprattutto la poesia e Sepúlveda per amore di Gloria iniziò a leggere i poeti.
  • In questo modo il mondo ebbe un calciatore di meno, ma un grande scrittore di più.

BIOGRAFIA: L’IMPEGNO POLITICO.

  • Durante la presidenza di Salvador Allende (novembre del 1970 al settembre del 1973) Sepúlveda si era iscritto al Partito Socialista.
  • Dopo il colpo di Stato di Pinochet (1973)  era stato arrestato.
  • Sepúlveda era stato liberato dopo 7 mesi per le pressioni di Amnesty International.
  • In seguito era stato arrestato di nuovo e condannato all’esilio.
  • Tra il 1982 e il 1987 è stato membro dell’equipaggio su una nave di Greenpeace,  il movimento che difende l’ambiente.
  • Sepúlveda, infatti, era un ecologista.
  • Sepúlveda aveva un grande impegno politico contro gli effetti lasciati in Sud America dalle dittature militari e contro il razzismo in Europa.
  • Sepúlveda diceva: «Sono uno scrittore, ma sono anche un uomo sociale.
  • Da questo punto di vista sono cronista di tutti coloro che giorno dopo giorno vengono ignorati, privati della storia ufficiale, che è sempre quella dei vincitori».

LE OPERE.

  • Il suo primo romanzo: Il vecchio che leggeva romanzi d’amore aveva raggiunto la fama internazionale nel 1989.
  • Altre sue opere sono: lI mondo alla fine del mondoLa frontiera scomparsaDiario di un killer sentimentalePatagonia ExpressLe rose di Atacama.
  • Nel 1997 inizio a scrivere favole  con Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare.
CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *