CRISI DI GOVERNO: IERI E OGGI - informazionefacile
CRISI DI GOVERNO: IERI E OGGI
Ci sono 3 immagini di Franco Marini da giovane e da anziano
È MORTO FRANCO MARINI
9 Febbraio 2021
CHE COSA È IL BURIAN
10 Febbraio 2021

CRISI DI GOVERNO: IERI E OGGI

IERI: LE POSIZIONI DEI PARTITI. OGGI: INCONTRI CON LE PARTI SOCIALI

image_pdfScarica PDF
  • Ieri, martedì 9 febbraio, Mario Draghi (incaricato di formare il nuovo governo) ha concluso i colloqui con i partiti politici.
  • Tutti i partiti, tranne Fratelli d’Italia (Giorgia Meloni) hanno confermato la loro disponibilità ad appoggiare il nuovo governo guidato da Draghi.
  • In mattinata  incontrerà  Confindustria con il presidente Carlo Bonomi,  e poco dopo Cgil, Cisl e Uil con i segretari generali.
  • Nel pomeriggio ci saranno colloqui con le diverse associazioni di categoria come, ad esempio,  Confcommercio e Confesercenti, Confartigianato e altre.

IERI:  SINTESI LE POSIZIONI DEI PARTITI MAGGIORI.

Partito Democratico.
  • Nicola Zingaretti, segretario del Partito Democratico (PD) ha detto: «Posso dire che siamo veramente molto soddisfatti del contributo, dei contenuti e delle linee guida alle quali il professore  (Draghi) sta lavorando».
Lega.
  • Matteo Salvini, segretario della Lega, ha detto: «Abbiamo parlato di Europa, il nostro obiettivo è che l’Italia torni protagonista in Europa…..Una delle priorità è lo sviluppo, lo sblocco dei cantieri e quindi la revisione del Codice degli appalti… Sulle tasse usciamo sollevati da questo incontro. L’impegno da noi avanzato e condiviso dal professore è nessuna nuova tassa…».
  • I commentatori politici hanno sottolineato come Salvini ha profondamente modificato le sue posizioni.
  • Prima era su posizioni anti Unione Europea ora è favorevole all’Unione Europea.
  • Voleva una tassa uguale per tutti i cittadini (flax tax) ora ha abbandonato questa richiesta.
  • Anche sul problema dei migranti Salvini è passato dalla politica dei porti chiusi a dire che l’Italia deve avere posizioni condivise con gli altri Paesi europei.
  • In serata la Lega ha votato a favore del Recovery Fund (i fondi europei per fronteggiare l’emergenza economica).
  • Un mese fa, invece, si era astenuta.
  • Questa è la prova della svolta della Lega e di Matteo Salvini.
  • Movimento 5 Stelle.
  • Vito Crimi ha detto : «La cosa a cui tenevamo di più è che l’azione di governo avesse come pilastro la transizione energetica e ambientale. Abbiamo insistito sull’idea di un super-ministero….sul reddito di cittadinanza e su non utilizzare i soldi del Mes».
  • Crimi ha detto che Draghi è in sintonia con queste richieste.
  • Ha poi aggiunto che le consultazioni degli iscritti attraverso la piattaforma Rousseau, sarà rimandata.
  • Oggi Draghi avrà  un lungo giro di incontri.
  • In mattinata  incontrerà  Confindustria con il presidente Carlo Bonomi,  e poco dopo Cgil, Cisl e Uil con i segretari generali.
  • Nel pomeriggio ci saranno colloqui con le diverse associazioni di categoria come, ad esempio,  Confcommercio e Confesercenti, Confartigianato e altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *