Strage di via D'Amelio. Chi voleva la morte di Borsellino
29 ANNI FA MORIVA BORSELLINO. CHI VOLEVA LA SUA MORTE?
LE SPIAGGE ITALIANE SONO DEI CITTADINI
18 Luglio 2021
G8 DI GENOVA: PREMESSE IDEOLOGICHE E POLITICHE
20 Luglio 2021

29 ANNI FA MORIVA BORSELLINO. CHI VOLEVA LA SUA MORTE?

UN FASCIO DI LUCE TRICOLORE ILLUMINERA' L'ULIVO DI BORSELLINO

L'albero di via d'Amelio che ricorda la morte di Paolo Borsellino
  • 29 anni fa, il 19 luglio 1992,  a Palermo un attentato di mafia uccide il giudice Paolo Borsellino e la sua scorta.
  • La strage avviene in via D’Amelio, dove abitava la madre del giudice.
  • Era, infatti,  domenica e il giudice era andato – come ogni domenica  – a trovare sua madre.
  • Il 21  maggio, meno di 2 mesi prima, la strage di Capaci aveva ucciso il giudice Giovanni Falcone, sua moglie e 5 persone della sua scorta.
  • La domanda è “Chi voleva la morte di Borsellino?”
  • Crediamo che il miglior commento a questi avvenimenti sia quanto sostiene in un’intervento l’ex procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato.
  • Clicca qui  per sentire uno stralcio dell’intervista di Scarpinato pubblicata da Il Fatto Quotidiano.
  • L’intervento è all’interno del Convegno: “Strage di Via d’amelia. 29 anni dopo continua la ricerca dei mandanti esterni”.
  • Clicca qui per sentire l’intervento completo.

CHE COSA SOSTIENE SCARPINATO.

  1. La strage di Via D‘Amelio è più di una strage di mafia.
  2. È la dimostrazione del reale funzionamento del potere in Italia.
  3. È il segreto ritratto del volto feroce e criminale di alcuni settori della classe dirigente.
  4. La strage avviene, infatti,  con un perfetto coordinamento tra mafia e servizi segreti.
  5. La mafia compie la strage.
  6. Sono i servizi segreti, però, che rubano l’agenda rossa di Borsellino.
  7. (Borsellino aveva anche il giorno della strage la sua agenda dove segnava i suoi appunti più riservati).
  8. Altri magistrati, leggendo gli appunti di Borsellino, avrebbero capito chi erano i mandanti esterni di molti delitti.
  9. Borsellino aveva capito i rapporti tra mafia e classe dirigente.
  10. Borsellino stesso, infatti, aveva detto alla moglie:  “Sarà la mafia a uccidermi, ma quando altri lo decideranno”.
  11. Scarpinato sottolinea, poi,  quanti tentativi  di sviare le indagini sulla strage ci siano stati.
  • Ecco come  Scarpinato risponde alla domanda: “Chi voleva la morte di Borsellino?”.

LE COMMEMORAZIONI DI OGGI.

  • Salvatore Borsellino,  fratello del giudice, ha voluto che un fascio di luce tricolore  abbracci l’albero di ulivo di via D’Amelio che ricorda la strage.
  • Quell’albero di ulivo  arriva da Betlemme e  la mamma del giudice ha voluto che fosse piantato lì come segno di pace.
  • La luce tricolore (simbolo di fedeltà allo Stato) partirà da Castello Utveggio.
  • Da quel castello sulle colline di Palermo, sostiene il fratello del giudice è partito l’ordine di innescare la bomba che avrebbe compiuto la strage.
  • Il fascio di luce si accenderà questa sera.
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *