PROVE INVALSI: 2021 PEGGIORANO DEGLI APPRENDIMENTI
CHE SONO LE PROVE INVALSI. NEL 2021 PEGGIORANO APPRENDIMENTI
MOVIMENTO 5 STELLE: DURO SCONTRO TRA GRILLO E CONTE
30 Giugno 2021
LE SPIAGGE ITALIANE SONO DEI CITTADINI
18 Luglio 2021

CHE SONO LE PROVE INVALSI. NEL 2021 PEGGIORANO APPRENDIMENTI

LA PANDEMIA E LA DIDATTICA A DISTANZA PUNISCONO LA SCUOLA

le prove invalsi 2021 mostrano un peggioramento
  • Partiamo dal principio: cosa sono le prove INVALSI?

CHE COSA SONO LE PROVE INVALSI.

  • L’INVALSI è un ente di ricerca che si occupa di valutare la qualità del sistema educativo italiano.
  • INVALSI, infatti, sta per Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione.
  • Questo ente si occupa di creare ogni anno le cosiddette prove INVALSI.
  • Le prove INVALSI sono dei test di matematica, italiano e inglese.
  • Ogni anno scolastico molti studenti affrontano le prove INVALSI.
  • In particolare, gli studenti sono quelli delle classi:
    • Seconda e quinta della scuola elementare (scuola primaria);
    • Terza della scuola media (scuola secondaria di primo grado);
    • Seconda e quinta della scuola superiore (scuola secondaria di secondo grado).
  • Nel 2021 gli studenti del secondo anno della scuola superiore non hanno effettuato le prove.
  • Le prove sono suddivise in 3 aree: matematica, italiano e inglese.
  • Alcuni esempi di prove sono:
    • Comprensione del testo italiano,
    • Risoluzione di problemi di matematica,
    • Lettura e ascolto della lingua inglese.
  • Le prove sono uguali per tutta Italia.
  • Le prove, è ovvio, sono diverse per fascia scolastica a cui sono proposte.

IL FATTO.

  • Il sito INVALSI open https://www.invalsiopen.it/risultati/risultati-prove-invalsi-2021/ ha pubblicato i risultati delle prove INVALSI 2021.
  • I risultati mostrano un peggioramento delle prestazioni soprattutto nelle aree riguardanti matematica e italiano.
  • I risultati sono sicuramente influenzati dall’introduzione della didattica a distanza (la cosiddetta DAD).
  • A marzo 2020, infatti, a causa della pandemia COVID-19 bambini e ragazzi hanno dovuto abbandonare la scuola in presenza.
  • Le lezioni si sono dunque svolte a distanza per un lungo periodo di tempo.
  • Nell’anno scolastico 2020-2021, appena giunto al termine, le lezioni in presenza sono riprese ma con svariate interruzioni a causa dell’aumento dei contagi.
  • Vi abbiamo raccontato del rientro a scuola in presenza a settembre 2020 in questi due articoli:
  • https://informazionefacile.it/il-ritorno-a-scuola/
  • https://informazionefacile.it/il-rientro-a-scuola/
  • Al termine dell’anno scolastico 2019-2020, però, le prove INVALSI non si sono svolte.
  • Perciò, il risultato delle prove INVALSI 2021 riflette gli effetti dei cambiamenti della didattica degli ultimi 2 anni scolastici.

IL CONFRONTO CON I RISULTATI DEL 2019.

  • I risultati delle prove del 2021 sono stati confrontati con i risultati delle prove del 2019.
  • Questo perché nel 2020, a causa della pandemia, gli studenti non hanno svolto le prove INVALSI.

SCUOLA PRIMARIA (SCUOLA ELEMENTARE).

  • Per quanto riguarda la scuola primaria, i risultati delle prove INVALSI 2021 sono molto simili a quelli del 2019.
  • Solo nelle prove di matematica si riscontra un lieve peggioramento.
  • Pertanto, sembra che la scuola primaria sia riuscita ad affrontare al meglio le difficoltà legate alla pandemia COVID-19.
  • Questi risultati dimostrano, infatti, che il livello di apprendimento è rimasto buono anche nel 2020 e 2021.
  • Si è riscontrata una differenza tra i risultati delle scuole primarie del Nord Italia e le scuole primarie del Sud Italia.
  • Questo dato ci dice che le scuole del Sud Italia hanno fatto più fatica a garantire un buon livello di insegnamento.
  • Questa differenza andrà a influenzare anche il percorso scolastico successivo.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (SCUOLA MEDIA).

  • Per quanto riguarda la scuola media, i risultati delle prove INVALSI 2021 sono peggiori rispetto a quelli del 2019.
  • In particolare:
    • I risultati delle prove di italiano e matematica sono più bassi di quelli 2019 (Il 39 per cento degli studenti non ha raggiunto il livello minimo di apprendimento),
    • I risultati delle prove di matematica sono più bassi di quelli del 2019 (Il 45 per cento degli studenti non ha raggiunto il livello minimo di apprendimento);
    • I risultati delle prove di inglese sono molto simili a quelli del 2019.
  • Gli studenti che provengono da situazioni socio-economiche svantaggiate hanno raggiunto risultati peggiori.
  • La differenza tra i risultati delle prove delle scuole medie del Nord Italia e del Sud Italia aumenta rispetto ai risultati delle scuole primarie.

SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO (SCUOLE SUPERIORI).

  • Per quanto riguarda l’ultimo anno delle scuole superiori, i risultati delle prove INVALSI 2021 sono peggiori rispetto a quelli del 2019.
  • In particolare:
    • I risultati delle prove di italiano sono più bassi di quelli 2019 (Il 44 per cento degli studenti non ha raggiunto il livello minimo di apprendimento);
    • I risultati delle prove di matematica sono più bassi di quelli del 2019 (Il 51per cento degli studenti non ha raggiunto il livello minimo di apprendimento);
    • I risultati delle prove di inglese sono molto simili a quelli del 2019.
  • Gli studenti che provengono da situazioni socio-economiche svantaggiate hanno raggiunto risultati peggiori.
  • La differenza tra i risultati ottenuti nel Nord Italia e nel Sud Italia è preoccupante.
  • In alcune regioni del Sud Italia (ad esempio Campania, Calabria, Puglia e Sicilia) più della metà degli studenti non ha raggiunto il livello minimo in nessuna delle tre aree (italiano, matematica e inglese).

LA DISPERSIONE SCOLASTICA IMPLICITA.

  • Un altro dato analizzato è la cosiddetta ‘dispersione scolastica implicita’.
  • La dispersione implicita indica gli studenti che hanno finito le scuole superiori senza raggiungere le competenze fondamentali.
  • Pertanto, questi ragazzi spesso hanno le stesse possibilità di inserimento nella società di chi si è fermato prima del termine delle scuole superiori.
  • La dispersione scolastica implicita è cresciuta negli ultimi 2 anni.
  • La media nazionale della dispersione scolastica implicita nel 2019 era il 7per cento.
  • Nel 2021 questo dato è arrivato al 9,5 per cento.
  • Le regioni del Sud Italia hanno raggiunto un livello di dispersione scolastica implicita più alto delle regioni del Nord Italia.

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *