che prevede la legge salvamare approvata l'11 maggio
CHE PREVEDE LA LEGGE “SALVA MARE”
nazisti a cinecittà: la copertina del libro
NAZISTI A CINECITTÀ: VERE SS ATTORI IN FILM FAMOSI
13 Maggio 2022
eni apre conto in rubli per gas russo
ENI APRE UN CONTO IN RUBLI PER PAGARE IL GAS RUSSO
19 Maggio 2022

CHE PREVEDE LA LEGGE “SALVA MARE”

ORA I PESCATORI POTRANNO SMALTIRE I RIFIUTI CHE SONO NELLE LORO RETI

  • L’11 maggio il Parlamento ha approvato una legge importante per la difesa de nostri mari, laghi, fiumi.
  • La Legge è chiamata “Legge Salvamare”.
  • Nel 2018 il ministro per l’Ambiente aveva presentato la legge.
  • Molte associazioni ambientaliste hanno appoggiato la legge.
  • Greenpeace ha, invece, in parte criticato la legge perché difende la pesca a strascico.
  • Nel 2018 era ministro per l’Ambiente Sergio Costa del Movimento 5 Stelle.

CHE COSA CAMBIA LA LEGGE SALVAMARE.

  • Quasi sempre i pescatori, pescando con le reti a strascico, tirava su insieme al pesce ogni genere di rifiuti.
  • I pescatori, se volevano smaltire i rifiuti, dovevano pagare lo smaltimento.
  • Non solo, quando portano i riuniti a terra per smaltirli commettevano un reato: “trasporto illecito di rifiuti”
  • I pescatori quindi erano costretti a ributtare in mare tutti i rifiuti che trovavano nelle loro reti.
  • Con la nuova legge i pescatori diventano “spazzini del mare“.
  • Possono portare i rifiuti pescati in porto e depositarle in aree attrezzate.
  • Inoltre la legge prevede riconoscimenti  per i pescherecci che usano materiali a ridotto impatto ambientale e raccolgono i rifiuti.
  • Entro i prossimi 4 mesi un decreto chiarirà i dettagli.

I RIUFIUTI IN MARE: LA PLASTICA.

  • Nel 2021 i ricercatori del Centro Ellenico per la Ricerca Marina, hanno tracciato i percorsi e il destino finale dei detriti di plastica nel mar Mediterraneo.
  • Lo studio ha valutato che, ogni anno, entrano nel Mediterraneo circa  17.600 tonnellate di plastica.
  • La maggior parte finisce sul fondo, mentre 3.760 tonnellate rimangono a galleggiare.
  • Una parte della plastica si scompone poi in microplastiche.
  • Le microplastiche sono particelle di plastica della dimensione massima di 5 millimetri.
  • Le microplastiche sono ingerite dai pesci e, quindi, dagli uomini quando mangiano il pesce.
  • Le microplastiche, infatti, sono state trovate nella placenta delle donne, nel sangue e nel latte materno.

LEGGI ANCHE: RIUSO E RICICLO: UN’ISOLA E UN PARCO DI PLASTICA

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.