80 ANNI: BUON COMPLEANNO BOB DYLAN!
80 ANNI: BUON COMPLEANNO BOB DYLAN!
I MÅNESKIN VINCONO L’EUROVISIONE CON “ZITTI E BUONI”
23 Maggio 2021
Il manifesto del film The Father con Antony Hopkins e Coleman
THE FATHER – NULLA È COME SEMBRA
26 Maggio 2021

80 ANNI: BUON COMPLEANNO BOB DYLAN!

IL CELEBRE CANTAUTORE STATUNITENSE COMPIE 80 ANNI

image_pdfScarica PDF

IL FATTO.

  • Bob Dylan compie 80 anni il 24 maggio 2021.
  • Bob Dylan è uno dei più celebri cantautori di sempre.
  • La sua musica ha accompagnato diverse generazioni e rappresenta una pietra miliare nel panorama musicale moderno.
  • Negli anni ’60 le canzoni di Bob Dylan hanno dato voce ai movimenti per i diritti civili negli Stati Uniti e non solo. 
  • Bob Dylan ha superato i confini tra musica, poesia e letteratura: il cantautore ha, infatti, ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 2016.
  • Nell’articolo ripercorriamo insieme la lunga carriera del cantautore.
  • Gli argomenti sono.
    • Biografia;
    • Alcune delle canzoni più celebri;
    • Riconoscimenti.

 

GLI INIZI.

  • Bob Dylan nasce a .Duluth (Minnesota, Stati Uniti d’America) il 24 maggio 1941 da una famiglia di origini ebraiche.
  • Alla nascita il nome del cantautore è Robert Allen Zimmerman.
  • Nel 1962 cambia legalmente il suo nome in Bob Dylan.
  • Fin da ragazzino Bob Dylan ascolta tanta musica alla radio e il suo genere preferito è il rock and roll.
  • Durante le scuole superiori suona in diversi gruppi musicali insieme ai suoi coetanei.
  • Nel 1959 Dylan si trasferisce a Minneapolis per frequentare l’università.
  • In questo periodo si appassiona alla musica folk.
  •  
Bob Dylan molto giovane

LA CARRIERA MUSICALE.

  • Dylan abbandona gli studi nel 1960.
  • Nel 1961 si trasferisce a New York per suonare.
  • Nel 1962 Dylan firma il suo primo contratto con il manager americano Albert Grossman.
  • Dylan pubblica il suo primo album, che però ha poco successo.
  • Nel 1963 Dylan pubblica l’album The Freewheelin’ Bob Dylan, che ha molto successo.
  • Da allora Bob Dylan ha pubblicato numerosissimi album, tra cui alcuni dei più celebri sono:
    • The Times they are a-changing, 1964;
    • Bringing it all back home, 1965;
    • Highway 61 Revisited, 1965;
    • Blonde on Blonde, 1966;
    • Blood on the tracks, 1975;
    • The Basement tapes, 1975;
    • Desire, 1976;
    • Time out of my mind, 1997;
    • Love and theft, 2001.

IL FOLK-ROCK.

  • Bob Dylan è considerato l’inventore del genere musicale folk-rock.
  • Il folk-rock è un genere che unisce sonorità tipiche della musica rock a sonorità tipiche della musica folk.
  • Bob Dylan ha sperimentato tuttavia diversi generi musicali, componendo ballate d’amore dalla sonorità rock e album rock-blues ma anche utilizzando sonorità più elettriche.
  • I suoi testi poi sono dei veri e propri capolavori di scrittura.
  • Dylan, infatti, nel 2016 ha vinto il premio Nobel per la letteratura.
  • Le canzoni di Bob Dylan hanno accompagnato diverse generazioni e continuano ad emozionare tantissime persone.
Martin Luther King parla durante la Marcia su Washington

L’IMPEGNO POLITICO.

  • Negli anni ’60 Bob Dylan è un personaggio di rilievo nel movimento americano per i diritti civili.
  • Il movimento per i diritti civili comprendeva movimenti sociali che avevano l’obiettivo di porre fine alla segregazione razziale e alla discriminazione della popolazione afroamericana.
  • Bob Dylan ha cantato, ad esempio,  alla storica Marcia su Washington.
  • Durante la Marcia su Washington il leader del movimento dei diritti civili Martin Luther King ha pronunciato il suo discorso più famoso (‘I have a dream’).
  • In quegli anni le canzoni di Bob Dylan affrontano tematiche di denuncia sociale legate ai diritti civili.
  • In particolare, l’album The times they are a-changing racconta dell’omicidio dell’attivista per i diritti civili Medgar Evers.
  • Medgar Evers fu un leader politico contro la segregazione dei neri.
  • Diventò  quindi oggetto di numerose minacce.
  • Il 12 giugno 1963, mentre usciva dalla sua auto al ritorno da una riunione politica, Evers fu assassinato con un colpo di fucile alla schiena, davanti alla propria casa.
  • Morì in un ospedale locale 50 minuti più tardi, poche ore dopo lo storico discorso del Presidente Kennedy a sostegno dei diritti civili.
Medgar Evers
  • Bob Dylan assume inoltre posizioni pacifiste soprattutto rispetto alla guerra del Vietnam.
  •  La canzone Blowin’ in the wind (contenuta nell’album di esordio The Freewheelin’ Bob Dylan) è un esempio delle sue posizioni pacifiste.

L’INCIDENTE.

  • Nel 1966 Bob Dylan ha un incidente in moto.
  • Le dinamiche dell’incidente, però,  sono tuttora misteriose.
  • Bob Dylan ha affermato, infatti,  di essersi rotto alcune vertebre del collo.
  • Tuttavia, mancano le conferme sulla gravità delle ferite.
  • Ciò che sappiamo è che dopo l’incidente Dylan decide di prendersi un momento di pausa.
  • Dylan si allontana, infatti, dalla scena musicale per più di un anno.
  • Alcuni pensano che Dylan abbia approfittato dell’incidente proprio per scappare dalle pressioni legate alla sua posizione.
  • Bob Dylan era infatti già molto famoso.

VITA PRIVATA.

  • Nel 1966 Bob Dylan sposa Sara Lownds, una ragazza conosciuta a New York.
  • Bob e Sara hanno 4 figli: Jesse Byron, Anna Lea, Samuel Isaac Abraham e Jakob Luke.
  • Bob e Sara divorziano  però nel 1977.
  • Nel 1986 Bob Dylan sposa Carolyn Dennis, che è stata per molto tempo una sua corista.
  • Bob e Carolyn hanno una figlia, Desiree Gabrielle.
  • Anche Bob e Carolyn divorziano nel 1992.
  • Dylan, inoltre,  ha mantenuto segreta la relazione con Carolyn per molti anni.

ALCUNE DELLE SUE CANZONI PIÙ CELEBRI.

  • The times they are a-changin’, 1962.
  • Questa canzone è nell’album The Freewheelin’ Bob Dylan.
  • La canzone si ispira a una ballata della tradizione britannica inglese, dal titolo Lord Randall.
  • La canzone è scritta come se fosse un dialogo tra l’autore e un ipotetico figlio.
  • Il testo denuncia un mondo ingiusto e in rovina, in un panorama apocalittico.
  • Like a rolling stone, 1965
  • Questa canzone è nell’album Highway 61 Revisited.
  • È considerata una delle migliori canzoni mai scritte nella storia della musica.
  • Tantissimi artisti hanno, infatti,  cantato la cover della canzone.
  • La canzone racconta la storia di una donna caduta in disgrazia.
  • Tangled up in blue, 1975
  • Questa canzone è nell’album Blood on the tracks.
  • La canzone racconta di una storia d’amore tormentata.
  • La canzone è ispirata alla storia d’amore tra Bob Dylan e Sara Lownds.
  • Il matrimonio di Bob e Sara finirà, infatti  2 anni dopo, nel 1977.
  • Hurricane, 1976
  • Questa canzone è nell’album Desiré.
  • È una canzone di protesta.
  • La canzone parla, infatti, dell’incarcerazione Rubin Carter.
  • Rubin Carter era un pugile afroamericano soprannominato “Hurricane” (Uragano).
  • Rubin Carter ha passato 20 anni in prigione perché accusato di omicidio.
  • L’accusa di omicidio era ingiusta e probabilmente basata su un pregiudizio razziale, infatti, Rubin Carter era innocente.

RICONOSCIMENTI.

  • Bob Dylan ha ricevuto tanti riconoscimenti per la sua musica.
  • Ne ricordiamo alcuni:
    • Ha ricevuto 10 Grammy Awards tra cui il Grammy per la carriera nel 1991;
    • Nel 2001 ha ricevuto il premio Oscar per la Migliore canzone per la canzone Things have changed del film Wonder boys.
    • Nel 2008 ha ricevuto il premio Pulitzer;
    • Nel 2016 ha ricevuto il prestigioso premio Nobel per la letteratura.
  • La vittoria di Bob Dylan del premio Nobel ha suscitato diverse polemiche.
  • Di seguito trovate i link dei nostri articoli sulla sua vittoria del premio Nobel:

TRADUZIONE DEL TESTO DI BLOWIN’ IN THE WIND.

Quante strade deve percorrere un uomo
prima che tu possa chiamarlo uomo?
E quanti mari deve navigare una bianca colomba
prima di dormire sulla sabbia?
E quante volte devono volare le palle di cannone
prima di essere proibite per sempre?
La risposta, amico mio, soffia nel vento,
la risposta soffia nel vento.
E quanti anni può esistere una montagna
prima di essere erosa dal mare?
E quanti anni possono gli uomini esistere
prima di essere lasciati liberi?
E quante volte può un uomo volgere lo sguardo
e fingere di non vedere?
La risposta, amico mio, soffia nel vento,
la risposta soffia nel vento.
E quante volte deve un uomo guardare in alto
prima di poter vedere il cielo?
E quanti orecchi deve avere un uomo
prima di poter sentire gli altri che piangono?
E quante morti ci vorranno prima che lui sappia
che troppi sono morti?
La risposta, amico mio, soffia nel vento,
la risposta soffia nel vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *