Bambini rapiti in Cina: ritrova la sua famiglia dopo 30 anni
BAMBINI RAPITI IN CINA: RITROVA LA SUA FAMIGLIA DOPO 30 ANNI
notizie fasulle. Un esempio
NOTIZIE FASULLE. UN ESEMPIO
20 Dicembre 2021
UN FOGLIO DI CARTONE
MENO PLASTICA PIÙ CARTONE
13 Gennaio 2022

BAMBINI RAPITI IN CINA: RITROVA LA SUA FAMIGLIA DOPO 30 ANNI

LA MEMORIA DEI LUOGHI D'INFANZIA E INTERNET HANNO FATTO IL MIRACOLO

LI ABBRACCIA LA MADRE
image_pdf
  • Li Jingwei è un uomo cinese di 37 anni.
  • Da bambino Li viveva con la famiglia in un piccolo paese agricolo nella regione dell’Yunnan. 
  • Nel 1988, quando Li aveva 4 anni, un uomo rapisce lo rapisce.
  • Il rapitore vende Li a una famiglia che abita a Lankao, nella provincia dello Henan.
Cerchiate in rosso le province di Yunnan dove è nato Li e di Henan dove abitava dopo il rapimento.
  • Le 2 province distano tra loro circa mille e 800 chilometri.
  •  Li ricorda di essere stato molto triste dopo il rapimento e di aver disegnato spesso la mappa del suo paese di origine per vincere la tristezza.
  • Con il passare degli anni Li si è dimenticato il nome dei genitori e i loro volti, ma ha sempre ricordato il suo paese.
  • Sapeva che c’erano corsi d’acqua e stagni e ricordava dove erano;  ricordava anche dove pascolavano gli animali e dove erano le foreste di bambù.
  • Di recente Li ha deciso di condividere il disegno del suo paese su una rete social: Douyin (come è chiamato TikTok in Cina).
  • Molte persone hanno visto il disegno di Li.
bambini rapiti in Cina: il disegno che ha aiutato Li
La mappa del suo paese di origine disegnata da Li e diffusa attraverso il Tik-Tok cinese.
  • Il disegno è stato visto tante volte da attirare l’attenzione del ministero della Pubblica sicurezza cinese.
  • Il ministero ha avviato indagini per aiutare Li nella sua ricerca.
  • Alla fine la ricerca ha avuto successo e Li ha potuto ritrovare la sua madre biologica; il padre, invece, è morto alcuni anni fa.
  • Li ha incontrato sua madre il 1° gennaio in una caserma della provincia di Henan, dove adesso Li vive.
  • Ecco il video dell’incontro.
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.