NEGLI USA UN NUOVO FARMACO CONTRO L’ALZHEIMER
NEGLI USA UN NUOVO FARMACO CONTRO L’ALZHEIMER
L'immagine mostra alcune mani che sorreggono nastrini rossi simboli della lotta all'Aids
PERCHÉ ESISTE IL NASTRINO ROSSO SIMBOLO DELL’AIDS
10 Maggio 2021

NEGLI USA UN NUOVO FARMACO CONTRO L’ALZHEIMER

GLI ESPERTI HANNO PARERI CONTRASTANTI, MA IL FARMACO È IN VENDITA

image_pdfScarica PDF
  • L’ Alzheimer è la forma più comune di demenza.
  • L’Alzheimer causa generalmente una perdita di memoria e di altre abilità cognitive così grave da interferire con la vita quotidiana.
  • Dopo 18 anni di fallimenti nella ricerca, negli Stati Uniti  entrerà in commercio un nuovo farmaco contro l’Alzheimer.
  • La FDA (Food and Drug Administration), l’agenzia americana per la sicurezza di cibo e farmaci, ha infatti autorizzato il farmaco Aducanumab.

IL FARMACO.

  • L’azienda farmaceutica americana Biogen ha sviluppato il farmaco Aducanumab.
  • Il farmaco sarà venduto negli Stati Uniti con il nome Aduhelm.
  • Il nuovo farmaco servirebbe per rallentare la progressione della malattia di Alzheimer.
  • Inoltre, è il primo farmaco ad intervenire sulle cause dell’Alzheimer, anziché sui sintomi.
  • La terapia consiste in una inezione al mese per via endovenosa.
  • Il farmaco dovrebbe rallentare il declino cognitivo dei pazienti allo stadio inziale della malattia.

L’AUTORIZZAZIONE.

  • Nel 2019, Biogen aveva sospeso la sperimentazione del farmaco perché non aveva portato a grandi risultati.
  • Biogen ha poi rivisto i dati e ricominciato la sperimentazione.
  • 10 degli 11 membri del consiglio di esperti della FDA, tuttavia, erano contrari alla sua autorizzazione.
  • Gli esperti, infatti, sostenevano che non ci fossero prove sufficienti della sua efficacia.
  • La FDA ha infine autorizzato il nuovo farmaco.
  • La FDA ha chiesto, però, a Biogen un nuovo ampio test clinico, che potrebbe richiedere anni.
  • Intanto, però, il farmaco potrà entrare in commercio.
  • Nonostante i pareri contrastanti degli esperti, la FDA ritiene che il farmaco abbia buone probabilità di rallentare il decorso della malattia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *