L’ALTRA SALUTE - informazionefacile
L’ALTRA SALUTE
PERCHÉ LA GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE È IL 25 NOVEMBRE
25 Novembre 2020
ITALIA: IL DIVORZIO COMPIE 50 ANNI
1 Dicembre 2020
Mostra tutto

L’ALTRA SALUTE

UNA RIFLESSIONE DI GIORGIO DI SILVESTRE

image_pdfScarica PDF
Condividiamo una riflessione di Giorgio Di Silvestre sul concetto di salute.
  • “Quando c’è la salute c’è tutto” recita un vecchio proverbio.
  • Nella cultura popolare la salute è la condizione del benessere, riferita soprattutto alla salute fisica.
  • Nei dizionari però il termine di salute legata al benessere riguarda non solo l’aspetto fisico ma anche quello psichico e spirituale.
  • Sull’aspetto psichico è di uso frequente il termine di salute mentale, dove si intende una condizione di equilibrio psicologico ed emotivo.
  • Qualora questa condizione non ci fosse subentrerebbe una patologia di qualche genere, per cui sarebbe opportuna una cura di tipo psicologico, psicanalitico o psichiatrico
  • L’aspetto spirituale è quello più trascurato e non si trovano né proverbi, né studi o interessi di carattere medico.
  • La salute dello spirito si può definire come una condizione di pace e armonia con la propria interiorità.
  • Quella spirituale è una sfera immateriale, incorporea, che coinvolge la vita non solo religiosa, ma pure intellettuale.
  • È quella sfera legata alla sensibilità e alla disposizione d’animo.
  • Anticamente lo spirito era pensato come un fluido interno che si credeva irrorasse dal cuore e dal cervello tutti gli organi del corpo, animando le diverse funzioni vitali e provocando gli stati d’animo e i sentimenti.
  • Con l’emergenza Covid l’unico aspetto della salute considerato dalla “Commissione tecnico-scientifica” è quello esclusivamente corporeo.
  • Si parla quindi soltanto di salute fisica come essenziale per la sopravvivenza.
  • È una valutazione sacrosanta per l’immediata salvezza materiale di un individuo.
  • Ma l’uomo non è fatto solo di sostanza materiale, bensì appunto anche di sostanza intellettuale e spirituale.
  • “Siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni, disse William Shakespeare.
  • E i sogni sono fatti di immaginazione e fantasia.
  • Le fonti di benessere per mente e spirito possono essere date da diversi fattori come il contatto con la natura, il gioco, l’arte, lo studio.
  • Se il cibo serve all’organismo per sostentarsi, non è solo il cibo che nutre l’uomo.
  • Ricordiamo, a questo proposito, lo sciopero degli operai tessili a Lawrence in USA nel 1912, divenuto celebre come lo sciopero del Pane e le Rose.
  • Lavoratori e lavoratrici, costretti a salari bassissimi, rivendicavano il diritto a vivere e non semplicemente a esistere sotto lo slogan Vogliamo il Pane e le Rose.
  • Operai e operaie non volevano solo una paga decente per comprare il pane, ma anche la possibilità di godere delle cose buone della vita come “sole arte musica”, simbolizzate dalle rose.
  • Lo slogan derivava da una poesia di James Oppenheim del 1911 che così recitava:

“Le nostre vite non devono essere sudate
dalla nascita fino alla morte.

I cuori muoiono di fame come i corpi;
dateci il pane, ma dateci anche le rose.
Mentre marciamo, marciamo,
innumerevoli donne morte
Gridano nel nostro canto
la loro antica richiesta di pane.
I loro spiriti laboriosi conoscevano poco dell’arte,
dell’amore e della bellezza.
Sì, è il pane ciò per cui lottiamo,
ma lottiamo anche per le rose”

  • Per una degna sopravvivenza, che contempli il vivere oltre che l’esistenza, il bisogno di una buona salute spirituale è un bisogno primario per l’uomo, al pari di una buona salute fisica.
  • Ci si augura quindi che al più presto possano riaprire scuole, teatri, cinema, sale da concerto, biblioteche, musei e ogni altro luogo destinato a rinfrancare animi, cuori e intelletti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *