SPORCHE COINCIDENZE E CORONAVIRUS - informazionefacile
SPORCHE COINCIDENZE E CORONAVIRUS
CORONAVIRUS: IL PAPA PREGA IN PIAZZA SAN PIETRO
27 Marzo 2020
2 APRILE GIORNATA MONDIALE DELL’AUTISMO
2 Aprile 2020
Mostra tutto

SPORCHE COINCIDENZE E CORONAVIRUS

Continua l’inchiesta di Franco Guarino sulla diffusione del coronavirus.

  • Servizi segreti di tutto il mondo si scambiano accuse e aprono nuovi scenari sulla diffusione organizzata del virus a opera delle lobby finanziarie, del mondo scientifico, delle case farmaceutiche e di criminali del profitto di ogni genere.
  • Mentre da noi continua la propaganda per nascondere il fallimento della sanità pubblica e il terrorismo burocratico nel mondo è accaduto di tutto.
  • Ci sono gialli con omicidi, sparizioni, spie a tutte le latitudini.

CANADA.

  • Iniziamo col dire che il Laboratorio nazionale di virologia del Canada ha annunciato la morte improvvisa del direttore Frank Plummer, famoso virologo.

Canada, Laboratorio di Winnipeg

  • Plummer è morto lo scorso 4 febbraio a Nairobi in Kenya, dove era per un convegno di virologi.
  • Frank Plummer aveva 68 anni era il dirigente del laboratorio canadese di armi biologiche situato a Winnipeg.

Frank Plummer.

  • Fatalità?
  • Ricordiamo che la stessa morte improvvisa toccò a Glenn Thomas all’inizio dell’epidemia di Ebola nel luglio 2014.
  • Glenn Thomas era un autorevole consulente dell’OMS a Ginevra.
  • Thomas come Plummer era un grande esperto in HIV e, soprattutto, in virus Ebola.
  • Le motivazioni delle due morti potrebbero essere le stesse.

 

  • Coincidenza vuole che io abbia conosciuto Frank Plummer in Africa durante il mio reportage per il TG1 sulla epidemia di Aids.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10222281486486764&id=1254058524&sfnsn=scwspmo&extid=PrvOpCNSfBqglaKg&d=n&vh=i

  • Plummer da tempo era al centro di indagini canadesi che riguardano la spedizione dei virus Ebola e di Coronavirus al laboratorio di Wuhan in Cina nel marzo 2019.
  • Il labarotorio canadese di armi biologiche diretto da Plumer collaborava con i ricercatori americani dei laboratori universitari di San Francisco e Glaveston nel Texas
  • Questi laboratori  risultano quindi  coinvolti spedizione di virus tramite aerei della compagnia Air Canada.

UNA VIROLOGA CINESE IN CANADA.

  • In questo affare è inoltre coinvolta una virologa cinese e i suoi assistenti espulsi dal Canada per aver collaborato alla spedizione di virus dal laboratorio canadese   in Cina.
  • Si tratta della dottoressa Xiangguo Qiu, nata a Tianjin, laureata all’università medica di Hebei nel 1985.
  • Nel 1996 arriva in Canada con il marito virologo per un dottorato e da lì la sua carriera decolla.

dottoressa Xiangguo Qiu con il marito.

  • Si occupa di molte cose, nessuna relativa ad agenti patogeni.
  • Nel 2006 ha semplificato la cura per Ebola e di altri virus come i coronavirus, nipah, hendra, machupo, junin, febbre della Rift Valley, febbre emorragica Crimea-Congo….
  • La dottoressa, dopo l’espulsione, risulta tuttora sparita insieme al marito (il batteriologo Keding Cheng) insieme agli assistenti.
  • I Canadesi ora hanno ricostruito l’attività della dottoressa e fatto una lista di tutto quello che la Qiu aveva spedito in Cina fra il 2006 e il 2018.
  • Tra l’altro, la Qiu nel 2018 aveva anche collaborato con il dipartimento della difesa degli Stati Uniti ad un progetto su Ebola e Marburg.

SCAMBI DI ACCUSE TRA CANADA E CINA.

  • Ora canadesi e cinesi si accusano a vicenda.
  • Da una parte si accusa la Cina di aver rubato campioni di virus Ebola e Coronavirus da un laboratorio canadese di armi biologiche e dall’altra si risponde che probabilmente sono stati gli stessi addetti del laboratorio canadese con sede in Cina ad aver messo in circolazione il nuovo Coronavirus.
  • Gary Kobinger, ricercatore di virus Ebola presso il laboratorio canadese di armi biologiche di Winnipeg, e l’addetto stampa Eric Morrisette, hanno confermato ai media che le spedizioni di campioni di virus Ebola e di Coronavirus WUHAN sono avvenute seguendo i soliti protocolli internazionali.
  • Quindi c’è un’ammissione ufficiale di chi ha spedito i virus a scopo di studio.
  • Questa storia, però non e stata diffusa dai media italiani impegnati a bombardare la gente sugli aspetti interni tralasciando il giallo di due famosi virologhi; il giallo della spedizione dei virus Wuhan, la complicità delle Università Americane di Berkley a San Francisco e di Galveston in Texas.
  • Ho aggiunto un altro scenario a quelli raccontati negli articoli precedenti, in onore della libertà intellettuale che non sempre si può comprare.
  • Inoltre per la diffusione geografica del virus sono stati utilizzati dei nano droni.

Ecco un nano drone.

Alla prossima…

Questa è la terza puntata di un’inchiesta di Franco Guarino sulla diffusione del coronavirus.

Qui le puntate precedenti: FRANCO GUARINO PARLA DEL CORONAVIRUS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *