16 Settembre 2019 |

Tempo di lettura: 6'

ARABIA SAUDITA: BOMBARDATI STABILIMENTI PETROLIFERI

IL FATTO.

  • L’Arabia Saudita produce circa il 10 per cento petrolio del mondo.
  • Aramco è la società statale dell’Arabia Saudita per il petrolio.
  • Sabato 14 settembre due stabilimenti dell’Aramco hanno subito 17 bombardamenti.
  • Gli stabilimenti sono a  Khurais e Abqaiq.

 

I LUOGHI DELL’ATTACCO

  • I bombardamenti hanno ridotto di molto la capacità dell’Arabia Saudita di produrre petrolio.
  • l’Arabia Saudita esporta ogni giorno 7,4 milioni di barili di petrolio.
  • Gli esperti stimano che i bombardamenti abbiano ridotto questa capacità a 1,7 milioni di barili al giorno.
  • I bombardamenti hanno ridotto la produzione mondiale di petrolio di almeno il 5 per cento.
  • Per questo motivo lunedì 16  settembre all’apertura della Borsa di Londra il prezzo del petrolio è aumentato di 12 dollari al barile.
  • Si pensa che il prezzo del petrolio aumenterà circa del 20 per cento.

CHI È RESPONSABILE DEI BOMBARDAMENTI.

  • I ribelli houthi hanno rivendicato il bombardamento
  • I ribelli goduti stanno combattendo una guerra in Yemen contro uno schieramento guidato dai sauditi.
  • Gli Stati Uniti affermano, invece, che i responsabili sono Iran o Iraq.
  • Iran e Iraq hanno negato ogni responsabilità.
  • Da quando Trump ha riattivato le sanzioni contro l’Iran la situazione tra i due Paesi è molto tesa.

APPROFONDIMENTI.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *